FLC CGIL
Contratto Istruzione e ricerca, filo diretto

https://www.flcgil.it/@3967993
Home » Attualità » Piano nazionale di ripresa e resilienza » Proposte di revisione del PNRR: le ricadute sugli interventi a titolarità del Ministero dell’Università e della Ricerca

Proposte di revisione del PNRR: le ricadute sugli interventi a titolarità del Ministero dell’Università e della Ricerca

Chieste modifiche relative a 2 riforme e 11 investimenti.

31/07/2023
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

Il governo ha reso pubblico il 27 luglio 2023 le proposte di modifica del PNRR e integrazione REPowerEU. Qui la bozza di documento

Nel complesso le modifiche, che riguardano 144 investimenti e riforme, possono essere distinte in tre categorie:

  1. modifiche formali relative alla descrizione delle misure e soprattutto ai meccanismi di verifica;
  2. modifiche e riprogrammazioni delle misure che, a fronte di una impossibilità o forti criticità a raggiungere alcuni obiettivi e soprattutto target fisici, le Amministrazioni hanno proposto di riprogrammare a favore di interventi coerenti di natura settoriale. In questa categoria rientrano anche le misure della transizione digitale. In particolare le Amministrazioni a fronte di alcune criticità, propongono il rafforzamento degli interventi attraverso l'impiego delle economie maturate in sede di gara;
  3. misure che si propone di definanziare dal PNRR e di salvaguardare attraverso la copertura con altre fonti di finanziamento, come il Piano nazionale complementare al PNRR e i fondi delle politiche di coesione. Si tratta di 9 misure per un ammontare totale di 15,9 miliardi di euro.

Le richieste proposte Ministero dell’Università riguardano 2 riforme e 4 investimenti compresi nella componente C1, e 7 investimenti compresi nella componente C2. In particolare:

  • rimodulazione quali-quantitativa sostanziale di 6 obiettivi, afferenti a 4 investimenti con scadenza originariamente prevista tra il 31 dicembre 2022 e il 30 giugno 2026;
  • redistribuzione delle risorse complessivamente assegnate al MUR per l’attuazione del PNRR (11,732 mld euro) tra alcune linee di investimento, ad invarianza di totale;
  • correzioni per errori materiali individuati all’interno del testo originariamente approvato ed alcune precisazioni/integrazioni nelle descrizioni delle misure e degli obiettivi, al fine di rendere il testo di riferimento e la fase di verifica sul conseguimento di Milestone/Target più chiara.

Di seguito l’elenco delle misure a titolarità del Ministero dell’Università e della Ricerca di cui si chiede la modifica

Ministero dell’Università e della Ricerca

Misura

Richiesta di modifica

M4C1 - Riforma 1.5: Riforma delle classi di laurea

Aggiornare gli Operational Arrangements, introducendo specifiche di dettaglio sugli atti normativi dirimenti al completamento della milestone

M4C1 - Riforma 1.7: Riforma della legislazione sugli alloggi per studenti e investimenti negli alloggi per studenti

Importo complessivo: 960.000.000 euro

  • eliminare il vincolo della camera singola, ripristinando la possibilità di realizzare camere doppie, requisito essenziale per la sostenibilità economica degli investimenti;
  • modificare il meccanismo di verifica del target finale, che prevedrà solo il requisito della
  • creazione fisica del posto letto e della disponibilità all’assegnazione entro il 30 giugno 2026;
  • forfettizzare l’importo concesso al soggetto attuatore che mette a disposizione un determinato posto letto, lasciando piena libertà rispetto ai quadri economici degli interventi non vincolando le assegnazioni ad una specifica categoria di spesa.
  • incrementare la dotazione della misura per 300 milioni di euro, al fine di concedere un contributo per singolo posto letto di valore più congruo rispetto al mercato attuale

M4C1 - Investimento 1.6: Orientamento attivo nella transizione scuola-università

Importo complessivo: 250.000.000 euro

  • aumentare la flessibilità nell’accesso all’iniziativa eliminando il requisito dell’iscrizione a partire dal terzo anno per la frequenza dei corsi di orientamento, ampliando così la platea dei potenziali beneficiari della misura
  • prevedere la possibilità di far frequentare allo stesso alunno più corsi di orientamento nelle diverse annualità (con limite di 1 corso per anno scolastico).

M4C1 - Investimento 1.7: Borse di studio per l’accesso all’Università

Importo complessivo: 500.000.000 euro

Revisione dei target che dovranno afferire non più al numero di studenti da sostenere, ma diversamente focalizzare l’attenzione sull’incremento medio delle borse rispetto ai valori presi a riferimento per la baseline, prevedendo un incremento medio di 500eur/borsa per il 2022/2023 e 700eur/borsa per il 2023/2024, in linea con gli attuali trend inflazionistici globali e con la descrizione della misura proposta in sede di stesura del PNRR.

M4C1 - Investimento 3.4: Didattica e competenze avanzate

Importo complessivo: 500.000.000 euro

  • rideterminare la dotazione finanziaria originariamente assegnata, tenuto anche conto che lo stanziamento di risorse ai fini dell’attivazione dei percorsi dottorali in tematiche ambientale e digitale appare idoneo a garantire il corretto conseguimento del target M4C1-23 a giugno 2026 (ossia assegnazione di almeno 500 nuovi dottorati di ricerca nell'arco di tre anni in programmi dedicati alle transizioni digitale e ambientale)
  • incrementare il sostegno del MUR in favore delle università che attivano i percorsi di dottorato, prevedendo un importo per singola borsa di dottorato pari a 70.000 euro in luogo dei 60.000 euro originariamente previsti
  • eliminare la sub-iniziativa “creazione di tre Teaching and Learning Centres (TLC)” dal Piano, finanziandola con risorse nazionali.

M4C1 - Investimento 4.1: Estensione del numero e delle opportunità di carriera dei dottorati

Importo complessivo: 432.000.000 euro

  • ampliare la tipologia di corsi di dottorato attivabili, includendo l’attivazione di Dottorati di interesse nazionale di cui all’art. 11 del decreto ministeriale n. 226 del 14 dicembre 2021
  • incrementare il sostegno del MUR in favore delle università che attivano i percorsi di dottorato, prevedendo un importo per singola borsa di dottorato pari a 70.000 euro in luogo dei 60.000 euro originariamente previsti
  • prevedere un aumento della dotazione finanziaria della misura per 72 milioni di euro, attingendo da risorse derivanti da altri investimenti del PNRR a titolarità del Ministero dell’Università e della ricerca

M4C2- Investimento 1.1 PRIN

Importo complessivo: 1.800.000.000 euro

Eliminare il riferimento alla “durata triennale” degli interventi riferiti ai PRIN al fine di consentire la completa realizzazione degli stessi.

M4C2 - Investimento 1.2: Finanziamento di progetti presentati da giovani ricercatori

Importo complessivo: 600.000.000 euro

  • aggiornare la descrizione della misura eliminando il vincolo riferito all'assunzione di almeno un ricercatore "non-tenure-track" e di destinazione di parte del contributo a brevi periodi di mobilità per attività di ricerca o didattica in altre località in Italia o all'estero, pur continuando a consentire tale attività consentita
  • individuare, nei successivi bandi, ulteriori giovani ricercatori da finanziare nell’ambito dell’iniziativa, di ampliare la platea dei soggetti ammissibili, includendo, ad esempio, ricercatori che pur ottenendo dalla Commissione europea una valutazione positiva per un progetto ERC non sono risultati vincitori causa esaurimento delle risorse disponibili
  • ridurre l’importo originariamente allocato, dirottando le risorse su altri investimenti del PNRR MUR che necessitano di maggiori appostamenti finanziari

M4C2 - Investimento 1.3: Partenariati per la ricerca e l’innovazione – Orizzonte Europa

Importo complessivo: 1.610.000.000 euro

All’esito della procedura competitiva eesiduano risorse pari a 4.388,88 euro, per le quali non è prevista l’attivazione di ulteriori procedure e di cui si propone la destinazione ad altri interventi a titolarità del MUR che, sulla base dello stato di attuazione e sui target e milestone previsti, richiedono maggiori fabbisogni finanziari rispetto a quanto originariamente previsto

M4C2 - Investimento 1.4: Potenziamento di strutture di ricerca e creazione di campioni nazionali di R&S su alcune Key Enabling Technologies

Importo complessivo: 1.600.000.000 euro

All’esito della procedura competitiva, si propone di utilizzare le risorse residue ad altri interventi di titolarità del MUR che richiedono maggiori finanziamenti

M4C2 - Investimento 1.5: Creazione e rafforzamento di ecosistemi dell’innovazione

Importo complessivo: 1.300.000.000 euro

All’esito della procedura di selezione, si propone di utilizzare le risorse residue ad altri interventi di titolarità del MUR che richiedono maggiori finanziamenti

M4C2 - Investimento 3.1: Fondo per la realizzazione di un sistema integrato di infrastrutture di ricerca e innovazione

Importo complessivo: 1.580.000.000 euro

All’esito della procedura competitiva, si propone di utilizzare le risorse residue (1.930.142 euro) ad altri interventi di titolarità del MUR che richiedono maggiori finanziamenti

M4C2 - Investimento 3.3: Dottorati innovativi

Importo complessivo: 600.000.000 euro

  • fare riferimento per il target ai “percorsi di dottorato innovativi attivati” e non al al “numero di borse di dottorato innovative assegnate”
  • non prevedere la creazione di un nuovo hub specificatamente finalizzato alla valorizzazione economica della ricerca prodotta dai dottorati industriali, favorendo la creazione di spin-off, ma eventualmente di utilizzare a tal fine gli hub già creati con le iniziative di cui agli Investimenti 1.3,1.4 e 1.5
  • ridurre il target M4C2-3 da 15.000 a 7.500 percorsi di dottorato attivati e contestualmente incrementare da € 30.000 a € 60.000 del contributo assegnato alle università dal PNRR per ciascuna borsa di dottorato concessa

Infine il governo propone alcune modifiche relative alla quarta rata di finanziamento del PNRR. Per il Ministero dell’Università e della Ricerca riguarda M4C1 - Riforma 1.7: Riforma della legislazione sugli alloggi per studenti e investimenti negli alloggi per studenti.

In particolare, la proposta:

  • riguarda lo spostamento del target M4C1-28 (ossia almeno 7.500 posti letto aggiuntivi creati e assegnati) dalla terza alla quarta rata e la sua trasformazione in milestone
  • mira a correggere alcuni errori nel target M4C1-30 relativo alla creazione e assegnazione di posti letto per studenti al 30 giugno 2026. 

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Nei prossimi giorni potrai firmare
per il referendum abrogativo.

APPROFONDISCI