FLC CGIL
Contratto Istruzione e ricerca, filo diretto

https://www.flcgil.it/@3866841
Home » Attualità » Politica e società » Conferenza nazionale sull’infanzia e l'adolescenza: per il Governo partecipazione e interculturalità non sono temi all’ordine del giorno!

Conferenza nazionale sull’infanzia e l'adolescenza: per il Governo partecipazione e interculturalità non sono temi all’ordine del giorno!

Si svolge dal 18 al 20 novembre la Conferenza nazionale sull’infanzia e l’adolescenza. La FLC CGIL condivide e sottoscrive le preoccupazioni e le proposte espresse nel documento “Batti il cinque”, presentato da molti componenti l’Osservatorio nazionale sull’infanzia e l’adolescenza.

18/11/2009
Decrease text size Increase  text size

Pubblichiamo il documento dal titolo “Batti il cinque” proposto da sette organizzazioni che fanno parte dell’Osservatorio nazionale dell’infanzia e dell’adolescenza, che ha già ricevuto l’adesione di tantissime associazioni, alle quali si aggiunge anche quella della FLC Cgil.

Partendo da quanto sancito dalla Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza i firmatari chiedono impegni precisi al Governo sul versante dell’attuazione dei diritti economici, sociali e culturali per l’infanzia.

Il documento sarà portato all’attenzione dell’opinione pubblica e dei partecipanti alla Conferenza nazionale sull’infanzia e l’adolescenza che si svolge a Napoli da oggi e fino al 20 novembre, data che segna il ventennale della firma della Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti del Fanciullo, diritti che questo Governo non ha nessuna intenzione di attuare né di rispettare.

Anche dal Presidente della Repubblica, attraverso il suo messaggio il suo messaggio inviato in occasione della Conferenza di Napoli, arriva un monito ed un auspicio affinché sia fatto …“il massimo sforzo per combattere in ogni parte del mondo la povertà minorile, la dispersione scolastica e l'esclusione sociale ed offrire alle nuove generazioni la possibilità di crescere in condizioni di sicurezza e serenità”...

Roma, 18 novembre 2009

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Al via la
campagna referendaria.

APPROFONDISCI