FLC CGIL
Referendum CGIL il lavoro è un bene comune

https://www.flcgil.it/@3875137
Home » Attualità » Sindacato » Una giornata con le RSU, i delegati e i quadri della CGIL

Una giornata con le RSU, i delegati e i quadri della CGIL

Il 24 settembre 2010 si è svolta a Roma l'Assemblea nazionale dei Quadri e dei delegati FP CGIL e FLC CGIL.

24/09/2010
Decrease text size Increase  text size

L'Auditorium di Via della Conciliazione a Roma è stracolmo, l'assemblea è attentissima, quelli che parlano spesso premettono: "Cerco di ragionare ma parlo con il cuore". Tutti hanno al petto un cartellino rosso su cui campeggia la scritta "RSU 2010 DIRITTI AL VOTO" (è chiaro il doppio significato).

Quasi duemila delegati della Funzione Pubblica e della FLC sono qui per protestare contro il Governo che ancora una volta ha rimandato le elezioni RSU. Un attacco alla democrazia, al lavoro, ai diritti, alla dignità umana di chi è impegnato nelle varie attività. Non a caso si nomina spesso il ministro Brunetta per il suo noto atteggiamento di disprezzo nei confronti dei lavoratori pubblici e il ministro Tremonti la cui unica fredda preoccupazione è di fare cassa.

Provengono da tutta Italia questi delegati sorridenti e preoccupati, e dai diversi comparti, scuola, ricerca, università, enti locali, sanità... Molti sono precari e narrano storie incredibili di ciò che accade nelle varie Regioni: graduatorie mai fatte o mai rispettate, legalità calpestata e contraddetta, lavoratori piegati sotto il peso dei provvedimenti di un Governo che crea disoccupazione, che svuota ogni rappresentanza, che uccide la contrattazione, che non vuole sui posti di lavoro chi si occupa di diritti, che teme ogni confronto perché sa che emergerebbe il dissenso nei sui confronti, che ogni giorno calpesta, abolisce e stravolge le regole della convivenza, che considera le RSU come strumento sovversivo perché strumento di confronto.

Al contrario i lavoratori che si sono succeduti sul palco hanno chiesto libertà di parola per tutti, hanno condannato gli atti che hanno impedito al segretario della CISL di parlare. Ma allo stesso tempo rivendicano il loro diritto di poter parlare e di potere VOTARE, di potersi esprimere. Il voto è per noi della CGIL irrinunciabile, ci batteremo per questo, ripetono.

Vai alla web cronaca con le dichiarazioni di Domenico Pantaleo e la sintesi degli interventi tra cui quelli di Guglielmo Epifani e Rossana Dettori.

I nostri click