FLC CGIL
Contratto Istruzione e ricerca, filo diretto

https://www.flcgil.it/@3760957
Home » Attualità » Europa e Mondo » Campagna mondiale contro la povertà

Campagna mondiale contro la povertà

Luci ed ombre del summit dell’ONU. Il giudizio dell’Internazionale dell’Educazione

21/09/2005
Decrease text size Increase  text size

Sollievo, ma anche delusione per gli esiti del summit dell’ONU, conclusosi nei giorni scorsi. Sollievo perché sono stati sventati i tentativi dell’amministrazione statunitense di cancellare gli impegni relativi agli Obiettivi del Millennio, delusione per il fatto che non c’è stato alcun passo in avanti negli impegni per eliminare la povertà.

Adesso l’attenzione si sposta al vertice del WTO ad Hong Kong, dove l’Internazionale dell’Educazione e i sindacati affiliati, tra cui la FLC, saranno presenti per incalzare i leader politici affinché definiscano regole commerciali eque, basate sulla solidarietà.
Punti centrali su cui occorre mantenere l’attenzione sono il rispetto dei diritti dei lavoratori, come strategia per ridurre la povertà, l’uguaglianza di genere e l’istruzione universale.

La IE chiede, inoltre, ai governi di mantenere gli impegni presi all’ultima riunione del G8 per quanto riguarda il diritto ad un lavoro dignitoso, come richiesto dall’ICTFU/Cisl Internazionale, e ricorda che il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale hanno chiaramente esplicitato la necessità d’innalzare le risorse destinate ai paesi in via di sviluppo ad almeno lo 0,7% del PIL se si vuole raggiungere gli obiettivi del Millennio nei tempi previsti.

Per quanto riguarda l’educazione, il testo approvato dal Summit dell’ONU prevede:

  • La conferma del piano di azione definito a Dakar nel 2000 (e non il semplice riconoscimento, come richiesto dall’amministrazione USA).

  • Il riferimento esplicito all’obiettivo dell’educazione primaria per tutti.

  • Il riferimento esplicito all’educazione primaria di buona qualità, gratuita ed obbligatorie, al superamento delle disuguaglianze di genere, alla necessità di rinnovare gli sforzi per migliorare l’educazione delle ragazze.

  • L’aggiunta del paragrafo relativo alla promozione dell’educazione alla pace e allo sviluppo umano.

Roma, 21 settembre 2005