FLC CGIL
Referendum CGIL il lavoro è un bene comune

https://www.flcgil.it/@3928061
Home » Attualità » DdL Stabilità 2016: primo importante passo verso il riconoscimento della DIS-COLL ad assegnisti di ricerca, dottorandi e borsisti

DdL Stabilità 2016: primo importante passo verso il riconoscimento della DIS-COLL ad assegnisti di ricerca, dottorandi e borsisti

Approvato un emendamento con cui si dispone la proroga dell'indennità di disoccupazione per collaboratori coordinati e continuativi e a progetto (DIS-COLL) per il 2016.

27/11/2015
Decrease text size Increase  text size

Nella giornata di ieri, 26 novembre, in occasione della discussione del Ddl Stabilità presso la XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) della Camera dei Deputati, è stato approvato un emendamento a firma dei deputati Gribaudo, Damiano, Albanella, Baruffi, Boccuzzi, Casellato, Cuomo, Di Salvo, Giacobbe, Incerti, Patrizia Maestri, Martelli, Miccoli, Paris, Giorgio Piccolo, Rostellato, Rotta, Simoni, Tinagli e Zappulla, con cui si dispone la proroga dell'indennità di disoccupazione per collaboratori coordinati e continuativi e a progetto (DIS-COLL) per il 2016. Al contempo, l'emendamento estende la DIS-COLL "anche ai titolari di assegni di ricerca di cui all’articolo 22 della legge 30 dicembre 2010, n. 240, e all’articolo 51 della legge 27 dicembre 1997, n. 449". In base a queste finalità, è disposto lo stanziamento di 289 milioni di euro per l'anno 2016 e di 73 milioni di euro per l'anno 2017.

La FLC CGIL e l’ADI - Associazione Dottorandi e Dottori di Ricerca Italiani accolgono con grande soddisfazione questo passaggio parlamentare, arrivato a seguito dell’intensa campagna #perchénoino? per l’estensione della DIS-COLL ad assegnisti, dottorandi e borsisti di ricerca che ha visto la raccolta di più di 8 mila firme, la consegna di queste firme presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e la presentazione di un interpello formale al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (ancora in attesa di risposta). 

L'emendamento, oltre a disporre la proroga per il 2016-17 di un istituto provvisorio la cui vigenza era limitata al solo 2015, rappresenta un primo importante passo in avanti in direzione delle rivendicazioni di questi mesi per l'estensione della DIS-COLL alle varie figure di giovani ricercatori presenti nella nostra università. 

FLC CGIL e ADI auspicano che l'emendamento sia conservato nel prosieguo della discussione del Ddl Stabilità alla Camera, sottolineando con forza l'esigenza fondamentale di implementare l'estensione della DIS-COLL anche ai dottorandi e ai borsisti. 

Anche per questo motivo la campagna #perchénoino?, tuttora in corso, prevede in questi giorni la presentazione della domanda di DIS-COLL da parte di assegnisti, dottorandi e borsisti di ricerca e, in caso di risposta negativa da parte dell’INPS, la prosecuzione dell’azione attraverso il ricorso amministrativo, supportato dalla FLC CGIL insieme all’INCA.

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Nei prossimi giorni potrai firmare
per il referendum abrogativo.

APPROFONDISCI