FLC CGIL
Contratto Istruzione e ricerca, filo diretto

https://www.flcgil.it/@3837779
Home » Attualità » Sindacato » Il Decreto collegato al Documento di Programmazione Economica e Finanziaria (DPEF) eroga risorse aggiuntive per Scuola, Università, Ricerca e Afam

Il Decreto collegato al Documento di Programmazione Economica e Finanziaria (DPEF) eroga risorse aggiuntive per Scuola, Università, Ricerca e Afam

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Legge di assestamento al bilancio 2007, che definisce la ripartizione del cosiddetto " Tesoretto"

18/07/2007
Decrease text size Increase  text size

Nella Gazzetta Ufficiale n. 151 del 2 luglio 2007 è stata pubblicata la Legge di assestamento del Bilancio dello Stato 2007 , che modifica gli stanziamenti previsti nell'ultima Finanziaria. L'aumento della spesa, finanziata con le maggiori risorse del cosiddetto "Tesoretto", è di 4131 milioni di euro per il 2007, 1504 a decorrere dal 2008.
La finalità della Legge di assestamento è quella di intervenire per incrementare alcune spese che nel corso dell'esercizio richiedono più risorse del previsto o, viceversa, per ridurne altre che appaiano sopravvalutate.
Vediamo in che misura il provvedimento legislativo aumenta le risorse finanziarie sui settori della conoscenza e su materie che riguardano i giovani, il lavoro, le pensioni.

All'art. 4, comma 2, si prevede la sospensione per il 2007 dell'applicazione del taglio del 20% ai consumi intermedi per le Università e per l'Afam
(c.d. Legge Bersani). Una richiesta fortemente sostenuta dalla FLC, che era tra gli obiettivi dello sciopero di novembre contro la Finanziaria.

L'art. 5 stanzia 900 milioni di euro per l'incremento dei trattamenti pensionistici per il 2007; a partire dal 2008, 1500 milioni per: a) finanziare a regime detto incremento; b) per un nuovo e più efficace meccanismo di rivalutazione annuale delle pensioni; c) per interventi di agevolazione del riscatto della laurea ai fini di pensione; d) per la "totalizzazione" (ricongiungimento) dei periodo contributivi maturati in diversi regimi pensionistici, in particolare per i giovani che sono interamente compresi nel regime contributivo.

L'art. 6, comma 8, stanzia 65 milioni di euro per l'edilizia universitaria, e ulteriori 5 + 5 per i due anni successivi.
Stanzia inoltre un contributo straordinario di 5 milioni per il 2007 per l'INSEAN (vasca navale).

L'art. 7 stabilisce il reintegro di autorizzazioni di spesa e di accantonamenti obbligatori per l'anno 2007. Tale norma restituisce alle istituzioni interessate risparmi obbligatori che erano stati sottratti ai bilanci ordinari. Si tratta di cifre importanti. LE ISTITUZIONI DI DESTINAZIONE E LE SOMME INTERESSATE .

L'art. 11 incrementa i finanziamenti del cosiddetto “capitolone” dove confluiscono, in aggiunta agli stanziamenti iniziali, ulteriori 180 milioni di euro per pagare gli stipendi al personale supplente temporaneo assunto dai dirigenti. Il comma 2 estende all'anno accademico 2007-2008 le disposizioni del Decreto Legge 173/2006.

L'art. 15 istituisce uno speciale Fondo rotativo presso la Presidenza del Consiglio per favorire l'accesso al credito dei giovani tra 18 e 35 anni, dell'importo di 10 milioni l'anno, finalizzato al rilascio di garanzie dirette, anche fideiussorie, alle banche.

Al Decreto, si aggiunge infine la buona notizia dello sblocco di circa 170 milioni per il finanziamento dei Progetti di Ricerca di Interesse Nazionale (PRIN), che dovrebbero essere a questo punto banditi dopo le ferie,

Un complesso di interventi e di risorse che certamente non risolve a regime il cronico sottofinanziamento dei settori della conoscenza, ma che porta una boccata di ossigeno e, soprattutto, rappresenta un segnale importante di inversione di tendenza rispetto agli ultimi anni. Se si considera il clima incandescente che si era acceso sulle priorità di destinazione del "Tesoretto" all'interno del Governo, e il "tiro alla fune" conseguente, i settori della conoscenza vedono un'attenzione importante per il presente e per il futuro.

Consideriamo questa scelta un passo avanti e una piccola vittoria per le istituzioni e i Ministeri interessati, per la collettività tutta, e anche per la CGIL, che non ha smesso un attimo la pressione politica perchè ciò avvenisse. E' nostro impegno prioritario fare sì che la prossima Finanziaria confermi e acceleri la priorità di Scuola, Università e Ricerca nell'economia generale delle scelte di investimento del Paese.

Roma, luglio 2007