FLC CGIL
Referendum CGIL il lavoro è un bene comune

https://www.flcgil.it/@3818271
Home » Attualità » Politica e società » La Cgil sull'ipotesi di regolamentazione dello sciopero generale

La Cgil sull'ipotesi di regolamentazione dello sciopero generale

Non siamo d’accordo con la bozza di regolamentazione dello sciopero generale predisposta dalla Commissione di Garanzia e ci chiediamo come sia stato possibile che circolasse un testo mai discusso e assolutamente ignoto al sindacato

10/09/2003
Decrease text size Increase  text size

Dichiarazione di Nicoletta Rocchi
Segretaria nazionale CGIL

Non siamo d’accordo con la bozza di regolamentazione dello sciopero generale predisposta dalla Commissione di Garanzia e ci chiediamo come sia stato possibile che circolasse un testo mai discusso e assolutamente ignoto al sindacato.
Non si comprende il perché di tale intervento dal momento che, le categorie che rientrano nel campo di applicazione della legge 146 hanno sempre attuato, anche in occasione degli scioperi generali, le norme sul rispetto dei sevizi pubblici essenziali.
E’ singolare, solo per fare alcuni esempi da una prima lettura del testo, che la Commissione si arroghi il potere, che non ha, di dare una definizione dello “sciopero generale” e, nel contempo, di individuare surrettiziamente e in modo generico i criteri di rappresentanza delle organizzazioni sindacali.
Ribadiamo quindi tutto il nostro dissenso su questa iniziativa che minaccia di restringere ulteriormente e ingiustificatamente il diritto di sciopero nel nostro paese.
Occorre infine porre un limite alla tendenza della Commissione, a cui a dilatare impropriamente le sue competenze.

Roma, 10 settembre 2003

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Nei prossimi giorni potrai firmare
per il referendum abrogativo.

APPROFONDISCI