FLC CGIL
Referendum CGIL il lavoro è un bene comune

https://www.flcgil.it/@3846871
Home » Attualità » Europa e Mondo » Riunione a Bruxelles del Comitato paneuropeo delle Pari Opportunità

Riunione a Bruxelles del Comitato paneuropeo delle Pari Opportunità

Nei giorni 1 e 2 aprile 2008 si è riunito a Bruxelles nel palazzo dell’IE/EI il Comitato paneuropeo delle Pari Opportunità.

07/04/2008
Decrease text size Increase  text size

Nei giorni 1 e 2 aprile 2008 si è riunito a Bruxelles nel palazzo dell’IE/EI il Comitato paneuropeo delle Pari Opportunità.

In quest’occasione è stata eletta la nuova Presidente del Comitato Begoñia Suarès dello STES, sindacato spagnolo, con un ampio consenso e l’appoggio determinante del nostro sindacato; inoltre è stato rinnovato il gruppo di lavoro, oggi composto da nove persone, il cosiddetto braccio operativo del Comitato stesso.

Questa nuova nomina risponde ad un desiderio di cambiamento e d’innovazione all’interno del Comitato paneuropeo il quale, troppo spesso, ci è sembrato un po’ intorpidito da lunghissime sedute troppe cariche di relazioni e rapporti di attività, non sempre in grado di determinare nei partecipanti coinvolti veri stimoli capaci di rendere attuabili, nel proprio paese, i programmi e le indicazioni emerse dagli incontri. La nomina di un paese dell’area mediterranea ci è sembrato un giusto tentativo per cercare di uscire da determinati schemi, non sempre per noi convincenti e troppo ripetitivi. La FLC CGIL ha la ferma intenzione di partecipare attivamente ai lavori futuri del Comitato ed intende anche proporre, alla Presidente ed al Comitato, un’organizzazione del lavoro più appropriata, meno gerarchizzata, più plurale e meno ingessata, capace di stimolare e di rinnovare le strategie necessarie per combattere sia le disuguaglianze di genere persistenti e presenti nella società, nel mondo del lavoro e nei sindacati sia la violenza contro le donne nelle scuole, nei luoghi di lavoro nonché nelle famiglie con un’attenzione particolare per le politiche LGBT (lesbiche, gay, bisessuali e transessuali). Tutto ciò con maggiore forza e determinazione ed in modo più incisivo ed autonomo rispetto al passato.

Roma, 7 aprile 2008