FLC CGIL
Sciopero 8 marzo 2024

https://www.flcgil.it/@3844915
Home » Attualità » Europa e Mondo » I costi della scuola francese

I costi della scuola francese

Quanto costa la scuola! Già! Ma quanto costa l’ignoranza?

05/02/2008
Decrease text size Increase  text size

1.920 euro per abitante, vale a dire il 6,8% del prodotto interno lordo, pari a 121,4 miliardi di euro, è quanto la Francia ha speso nel 2006 per i suoi scolari e studenti.

La percentuale sul Pil è più alta di quella di altri paesi europei, tra cui l’Italia, e della media Ocse, ma più bassa degli Stati Uniti (vedi a titolo indicativo la tabella del 2004).

Percentuale del PIL destinata all’istruzione nel 2004

Paese

quota

Stati Uniti

Svezia

Francia

Finlandia

Regno Unito

Australia

Media OCSE

Germania

Italia

Paesi Bassi

Giappone

Spagna

7,4

6,7

6,1

6,1

5,9

5,9

5,8

5,2

5,1

4,9

4,8

4,7

Nonostante un calo della spesa statale diretta alla scuola del 6% in 16 anni, la spesa complessiva ha continuato a crescere. Il fatto è che alle diminuite spese statali hanno fatto supplenza le spese degli enti locali che ormai ammontano a oltre il 20% del totale (20.6%). Oggi lo stato copre il 63,95 della spesa, e, oltre alle amministrazioni locali vi concorrono, le imprese (6,4%, in crescita), le famiglie (8%, in calo) e le casse d’allocazione familiare (1,1%, un contributo prima inesistente).

La maggior parte di questa spesa va a vantaggio dell’istruzione secondaria (43,8%), seguita da quella primaria (27,5%), da quella superiore-universitaria (17,7%) e dalla formazione continua ed extrascolastica (11%)

La spesa media per allievo è di 7.160 euro, ma varia dai 4.990 di un alunno della primaria, agli 8.810 per uno studente della secondaria e ai 9.370 per un universitario. Benché stabile negli ultimi due anni, la spesa ha conosciuto un incremento medio del 2,1% annuo dal 1980 al 2006. Ma se il costo di uno studente universitario è cresciuto del 33%, quello di uno studente medio è cresciuto del 62%.

La spesa per il personale va al 53,4% per i docenti e per il 22,6% per i non-docenti, mentre un 9% va in altre spese di funzionamento e un 15% in spese di investimento. (fonte Le Monde de la Education)

Roma, 5 febbraio 2008

Tag: francia