FLC CGIL
Sciopero 8 marzo 2024

https://www.flcgil.it/@3969066
Home » Attualità » Articolo 33 si trasforma: la conoscenza diventa open access

Articolo 33 si trasforma: la conoscenza diventa open access

È online il primo numero della rivista, rinnovata, completamente digitale e libera

15/01/2024
Decrease text size Increase  text size

Dopo vent’anni di pubblicazioni Articolo 33 si congeda dalla carta stampata e diventa completamente digitale: approda online con accesso libero per tutti. Pur mantenendo il carattere scientifico che da sempre la contraddistingue si apre a nuove sfide, proponendosi di raggiungere un pubblico di lettori più ampio, con una periodicità maggiore e nuovi contenuti multimediali, caratteristici del mezzo digitale. Ogni mese si occuperà di pedagogia e pratiche didattiche, università, sistemi educativi e formativi, ricerche sul campo, politiche pubbliche nei settori della conoscenza e approfondirà, come sempre, anche il campo storico e letterario guardando con un occhio attento sempre ai cambiamenti nel mondo del lavoro, alle professioni e alla formazione, alle questioni di genere.

Sfoglia la rivista

Il primo numero, già disponibile online, si apre con un’intervista alla Segretaria Generale della FLC CGIL Gianna Fracassi sul Piano nazionale di Ripresa e Resilienza. A circa due anni e mezzo dalla sua approvazione e con orizzonte il 2026 siamo praticamente a metà strada e sentiamo, perciò, il bisogno di riflettere sullo stato di attuazione delle misure previste, concentrandoci sulla Missione 4, incentrata sull’istruzione, la formazione e la ricerca. La preoccupazione maggiore è che si perda l’occasione di investire nei settori della conoscenza, non solo per mettere fine a emergenze e carenze, ma soprattutto per avviare una ristrutturazione di tutto il sistema nel senso di una maggiore inclusione e per elevare i livelli di istruzione di tutti i cittadini.

Con l’intervista a Maria Chiara Carrozza, presidente del CNR, cerchiamo di capire, a cento anni dalla sua fondazione, come il più grande ente di ricerca italiano stia affrontando anche i grandi cambiamenti e le trasformazioni che globalmente investono il mondo scientifico.

Il nuovo anno si è trascinato le tragedie dell’anno precedente. Prima fra tutte la guerra. Non rinunciamo a pensare che un’educazione alla pace sia un antidoto forte alle ragioni delle armi, come ci suggerisce Massimo Baldacci, pedagogista e neopresidente di Proteo Fare Sapere.

E ancora parliamo di parità di genere (ancora molto lontana) nel mondo della ricerca della scuola di oggi scuola a cento anni dalla riforma Gentile e delle emergenze e i problemi strutturali del sistema universitario.

Queste e altre tematiche ci accompagneranno lungo questo 2024 anche attraverso un dibattito aperto ai nostri lettori e a quanti operano nei settori della conoscenza.

La redazione di Articolo 33 augura a tutti un buon anno e buona lettura.

Articolo 33