FLC CGIL
Contratto Istruzione e ricerca, filo diretto

https://www.flcgil.it/@3964079
Home » Università » AFAM » AFAM: pubblicati i primi esiti delle nomine a tempo determinato dei docenti inseriti nelle graduatorie nazionali

AFAM: pubblicati i primi esiti delle nomine a tempo determinato dei docenti inseriti nelle graduatorie nazionali

666 nomine. Circa 900 docenti saranno nominati dalle graduatorie d’istituto

27/01/2022
Decrease text size Increase  text size

Il Ministero dell’Università e della Ricerca ha pubblicato sul sito del Cineca i primi esiti relativi all’avviso 141 del 5 gennaio 2022 che ha fissato per le ore 15 del 27 gennaio 2022 il termine per l’accettazione o la rinuncia agli incarichi a tempo determinato da parte dei docenti precari inseriti nelle graduatorie nazionali. Questi i link per consultare le nomine effettuate distintamente per le graduatorie ex legge 128/13, ex legge 205/17, ex legge 12/20 (205-bis).

Gli esiti della procedura che devono essere considerati ancora provvisori in attesa dell’effettiva presa di servizio, sono i seguenti

Incarichi attribuiti: 666 (542 graduatorie 205-bis, 119 graduatorie 205/17, 3 graduatorie 128/13)

di cui

  • Accademia Belle Arti: 336 (227 graduatorie 205-bis, 106 graduatorie 205/17, 2 graduatorie 128/13)
  • Accademia Nazionale di Danza: 5 (graduatorie 205-bis)
  • Conservatori: 302 (293 graduatorie 205-bis, 7 graduatorie 205/17, 2 graduatorie 128/13)
  • ISIA: 23 (17 graduatorie 205-bis, 6 graduatorie 205/17).

Totale rinunce e simili: 57 di cui 50 rinunce mentre 7 canditati che hanno dichiarato di non avere interesse all’individuazione.

Sono state effettuate nomine su 176 settori artistico disciplinari

Il settore artistico con il numero più grande di nomine è CODI/21 - Pianoforte con 38 docenti. Seguono con 15 nomine

ABST 47 - Stile, Storia dell'arte e del costume 

ABTEC 38 - Applicazioni digitali per le arti visive

ABTEC 43 - Linguaggi e tecniche dell'audiovisivo

COTP/06 - Teoria, ritmica e percezione musicale

Le istituzioni con più docenti nominati sono le seguenti

ISTITUZIONE

Numero Nomine

Accademia di Belle Arti Napoli  

27

Accademia di Belle Arti Brera - Milano  

24

Accademia di Belle Arti Venezia  

24

Accademia di Belle Arti Bologna  

23

Accademia di Belle Arti Palermo  

22

Accademia di Belle Arti Roma  

22

Accademia di Belle Arti Catania  

20

Conservatorio di Musica "Nicola Sala" di Benevento  

18

Accademia di Belle Arti Firenze  

18

Accademia di Belle Arti Macerata  

18

Accademia di Belle Arti Albertina - Torino  

18

Accademia di Belle Arti Frosinone  

16

In base a questi dati, le nomine con contratto a tempo determinato dalle graduatorie di istituto saranno circa 900, un numero molto alto determinato dall’ampliamento delle dotazioni organiche.

Tale ampliamento sta determinando alcuni effetti assai significativi:

  • un riallineamento delle dotazioni organiche all’offerta formativa effettivamente erogata dalle istituzioni
  • l’assegnazione alla gran parte dei docenti inseriti nelle graduatorie nazionali, di un incarico annuale preludio alla stabilizzazione prevista nel prossimo anno accademico
  • una significativa riduzione dei contratti atipici e quindi delle forme più odiose di precariato
  • una riduzione (ci auguriamo) della contribuzione studentesca.

Si tratta di momento davvero storico per l’afam frutto delle tante mobilitazioni delle lavoratrici e dei lavoratori e di un incessante lavoro di proposta di cui è stata protagonista la FLC CGIL.

Auguriamo a tutti coloro che sono stati nominati buon lavoro: sanno che avranno al loro fianco la nostra organizzazione sindacale impegnata da sempre nella difesa di tutti i lavoratori che operano in questo settore strategico del mondo della conoscenza.

Servizi e comunicazioni

Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
I bandi in Gazzetta Ufficiale
Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Lettori e CEL: iscriviti alla mailing list

Partecipa al gruppo di discussione dei Lettori e CEL, invia una email a lettori+subscribe@flcgil.it

Seguici su facebook