FLC CGIL
Referendum CGIL il lavoro è un bene comune

https://www.flcgil.it/@3901183
Home » Scuola » Durata dei corsi di studio: nuovo colpo di mano del Ministro Profumo

Durata dei corsi di studio: nuovo colpo di mano del Ministro Profumo

Illustrata ai sindacati la sperimentazione di tre tipologie di percorso scolastico accorciato di un anno. Il Ministro continua ad agire senza rispetto delle normative e delle competenze.

22/03/2013
Decrease text size Increase  text size

Venerdì 22 marzo si è svolto al MIUR un incontro tra l'amministrazione e le organizzazioni sindacali, convocato frettolosamente nella tarda serata di giovedì.

Sul primo punto all'ordine del giorno riguardante il decreto sui TFA speciali è già pubblicata una specifica notizia, nella quale abbiamo sottolineato l'ennesimo colpo di mano del Ministro Profumo.

Questa considerazione ben si addice anche al secondo punto all'ordine del giorno.
L'Amministrazione ha illustrato la proposta del Ministro: progetti innovativi sulla durata dei corsi di studio. Poiché in molti paesi europei l'uscita dalla scuola è a 18 anni, poiché in Italia si sta diffondendo la sperimentazione delle scuole europee, il Ministro propone di avviare tre tipologie di percorso scolastico accorciato di un anno, con questi criteri e su richiesta delle scuole coinvolte:

  • anticipo a 5 anni dell'ingresso alla scuola primaria
  • riduzione fra la IV° e la V° classe della scuola primaria
  • riduzione del biennio iniziale della scuola superiore di secondo grado a 2 semestri.

Un comitato tecnico scientifico seguirebbe la sperimentazione, l'organico non verrebbe modificato nelle scuole oggetto della sperimentazione.

I sindacati hanno così avuto contezza dei fantomatici progetti sulla durata dei corsi di studio.
La FLC CGIL al tavolo ha ribadito che spera siano solo voci dal sen fuggite, perché come abbiamo avuto modo di scrivere ieri, è incredibile che un Ministro sull'uscio licenzi ipotesi di questa natura con sprezzo delle regole, senza un confronto nel merito, tentando in modo scorretto di condizionare le politiche del prossimo governo.

L'obiettivo di una scuola di qualità si fonda su un progetto di investimenti che diano pari opportunità a tutti gli studenti italiani, a partire dalla stabilizzazione del personale precario a vario titolo. "Per questo - ha dichiarato Domenico Pantaleo, Segretario generale della FLC CGIL - scenderemo in piazza il 10 aprile a Roma con un presidio del personale precario dei comparti della Conoscenza presso il Ministero dell'Istruzione".

Servizi e comunicazioni

Articolo 33, Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook