FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3908139
Home » Attualità » Previdenza » Pensionamento personale della scuola: fino al 7 febbraio disponibili le funzioni on line per la presentazione delle domande

Pensionamento personale della scuola: fino al 7 febbraio disponibili le funzioni on line per la presentazione delle domande

La FLC CGIL chiede la proroga del termine del 7 febbraio. Tutte le informazioni per la presentazione della domanda.

30/01/2014
Decrease text size Increase text size
Vai agli allegati

Sono state aperte dal MIUR le procedure web per la presentazione delle domande di cessazione dal servizio. La domanda, compresa quella con contestuale richiesta di part-time, dovrà essere esclusivamente compilata attraverso le istanze on-line (POLIS).

Sul nostro sito sono disponibili una guida e un video che illustrano le procedure da seguire per la registrazione.

Abbiamo predisposto una scheda di approfondimento del Decreto Ministeriale 1058 del 23 dicembre 2013 e della nota ministeriale 2855 del 23 dicembre 2013 relativi alle procedure per la cessazione dal servizio e una tabella riassuntiva dei requisiti di accesso alla pensione dal 1 settembre 2014.

Presso le sedi della FLC CGIL e dell’INCA CGIL (in Italia e all’estero) è disponibile uno specifico servizio di consulenza gratuita personalizzata e qualificata per fare le scelte più opportune. Vista la delicatezza e la complessità dei calcoli per determinare l’ammontare della pensione e della liquidazione, è consigliabile che la pratica pensionistica sia istruita e seguita in ogni sua fase dal patronato INCA CGIL che è soggetto accreditato presso il Ministero del Lavoro e garantisce competenza e professionalità. Il patrocinio è del tutto gratuito.

Il  7 febbraio 2014 è la data di scadenza per presentazione delle domande di cessazione dal servizio per il personale della scuola dal 1 settembre 2014.

La FLC CGIL ha chiesto la proroga del termine, vista la complessità delle operazioni.

Per i dirigenti scolastici il termine è il 28 febbraio 2014 come previsto dalle norme del CCNL dell’Area V della dirigenza.

La FLC CGIL da sempre considera iniqua la riforma Fornero perché lesiva per tutti i lavoratori  del diritto al pensionamento in una età equa e con un assegno dignitoso, pertanto ne chiede una revisione che restituisca anche il turn over necessario per dare lavoro ai giovani.