FLC CGIL
Referendum CGIL il lavoro è un bene comune

https://www.flcgil.it/@3840437
Home » Università » Contratto AFAM: trasmesso l’atto di indirizzo al Ministero della Funzione Pubblica e al Ministero delle Finanze

Contratto AFAM: trasmesso l’atto di indirizzo al Ministero della Funzione Pubblica e al Ministero delle Finanze

Primo atto per l’avvio delle procedure per l'apertura della trattativa per il rinnovo del contratto dell’AFAM.

28/09/2007
Decrease text size Increase  text size

Solo nella serata di ieri 27 settembre, dopo le pressanti richieste di FLC Cgil, CISL Università e UIL Afam, abbiamo avuto notizia che il Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica ha trasmesso l’atto di indirizzo al Ministero della Funzione Pubblica e al Ministero delle Finanze per avviare ufficialmente le procedure e consentirci di aprire la trattativa per il rinnovo del contratto dell’AFAM.

Inutile dilungarsi sulla complicazione della fase politica, sulla considerazione delle poche risorse disponibili e altro ancora: il contratto di lavoro del personale docente, tecnico e amministrativo dell’AFAM non può essere sempre l’agnello sacrificale. Come già rappresentato negli incontri avvenuti nei mesi di giugno e luglio con il Sottosegretario Dalla Chiesa, rivendichiamo un pacchetto di risorse aggiuntive per il rinnovo del contratto a salvaguardia della professionalità, a riconoscimento del grande senso di responsabilità dimostrato dal comparto che sta gestendo la transizione, con un aumento del carico di lavoro ormai da troppo tempo senza averne avuto il minimo riconoscimento economico. Ipotizzare un futuro senza alcun adeguato investimento prefigura inevitabilmente la consumazione dell’ultima cena!

In queste ore il Governo è al lavoro per definire la nuova Legge Finanziaria. Ci aspettiamo che le promesse fatte e gli impegni assunti nel mese di luglio trovino adeguato riscontro: se così non fosse, come già dichiarato in altri comunicati, la FLC è pronta a mettere in campo tutte le iniziative utili affinché i settori della conoscenza e, nello specifico l’Alta Formazione Artistica e Musicale abbiano, nei fatti e nelle scelte politiche , il giusto riconoscimento e sostegno che meritano come settori strategici per la crescita e lo sviluppo di questo Paese.

Roma, 28 settembre 2007