FLC CGIL
Sciopero 8 marzo 2024

https://www.flcgil.it/@3967103
Home » Università » AFAM » AFAM: entro il 20 maggio 2023 la relazione dei Nuclei di Valutazione sulle attività e sul funzionamento delle istituzioni

AFAM: entro il 20 maggio 2023 la relazione dei Nuclei di Valutazione sulle attività e sul funzionamento delle istituzioni

Nota del Ministero inviata alle istituzioni che devono inserire o aggiornare i dati relativi alla composizione del Nucleo.

23/03/2023
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

Il Ministero dell’Università e della Ricerca con nota 3456 del 20 marzo 2023 fornisce indicazioni operative per la compilazione da parte dei Nuclei di Valutazione, della relazione annuale 2023 sulle attività e sul funzionamento delle istituzioni afam.

Come è noto tale adempimento è previsto dall’art. 10 comma 2 lettera b) del DPR 132/03.

La relazione deve essere compilata sulla base di criteri generali determinati dall’ANVUR, la quale entro novanta giorni comunica al Ministero, le proprie valutazioni in merito.

Le istituzioni sono tenute preventivamente e obbligatoriamente ad inserire o aggiornare i dati relativi alla composizione del Nucleo nell’apposita sezione del portale “Componenti Nucleo”.

Le relazioni sono presentate esclusivamente per via telematica sul sito dedicato (afam.miur.it), sulla base delle informazioni che dovranno essere preliminarmente inserite entro il 20 aprile 2023 dalle Istituzioni relative

  • a studenti e personale (sulla base dei dati precaricati dal Ministero relativi all’a.a. 2021/2022),
  • alle dotazioni strutturali e finanziarie
  • alla “Rilevazione delle opinioni degli studenti delle Istituzioni AFAM” (Qui è possibile consultare le indicazioni dell’ANVUR

I Nuclei di valutazione (NdV) dovranno inserire la propria valutazione entro il 20 maggio 2023.

La relazione dovrà essere compilata negli stessi termini e con le medesime modalità anche dalle Accademie legalmente riconosciute e dalle altre Istituzioni autorizzate al rilascio dei titoli aventi valore legale ai sensi dell’art. 11 del D.P.R. n. 212/2005. In tal caso le relazioni saranno utilizzate anche ai fini della valutazione periodica di queste Istituzioni secondo quanto previsto dal nota ministeriale 1071/21.