FLC CGIL
Referendum CGIL il lavoro è un bene comune

https://www.flcgil.it/@3970146
Home » Scuola » Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie 2024/2025: le nostre richieste

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie 2024/2025: le nostre richieste

Chiediamo il superamento di tutti i blocchi per i docenti neo assunti a tempo determinato e a tempo indeterminato, l’accesso agli ex Lsu assunti part time e la copertura dei posti liberi di DSGA tramite conferimento incarichi superiori agli assistenti amministrativi

17/06/2024
Decrease text size Increase  text size

Il Ministero dell’Istruzione e del Merito ha convocato i sindacati nel pomeriggio di lunedì 17 giugno 2024 sul rinnovo del CCNI utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e ATA.

La FLC CGIL, insieme alle altre sigle, aveva più volte sollecitato l’avvio della trattativa senza che l’amministrazione desse alcun riscontro, nonostante i tempi avanzati e la piena consapevolezza delle complessità che sempre accompagnano un percorso negoziale.

La posizione dell’amministrazione

In apertura di riunione, il ministero ha illustrato una bozza di intesa finalizzata all’ultrattività del CCNI 2019-2022 per le operazioni relative all’a.s. 2024/2025, come successo già nei precedenti anni scolastici 2022/2023 e 2023/2024, motivandola con la necessità di ri-allineare la formulazione del testo con quella della mobilità, il cui CCNI è in scadenza.
Lo strumento scelto è quello di un breve testo su cui convenire i punti principali di integrazione/modifica, in modo da mantenere l’impianto generale e aggiornare solo le novità.
L’intenzione espressa in premessa è stata quella del rispetto del contesto normativo che riguarda da un lato il vincolo di permanenza dei docenti neo-assunti e dall’altro la copertura dei posti vacanti e/o disponibili dei DSGA, quindi nella realtà dei fatti, almeno in prima istanza, la proposta è sembrata un accordo di intenti per acquisire delle disposizioni e senza spazi di apertura contrattuale.

La nostra posizione

Abbiamo fatto presente al ministero che l’intesa negoziale, anche se di breve durata, deve segnare delle conquiste perché questo è lo scopo di un contratto: arrivare a migliorare le condizioni delle lavoratrici e dei lavoratori e non riproporre la legge vigente, per giunta negli stessi termini.

Per la FLC CGIL le rivendicazioni sono chiare e le abbiamo poste al tavolo:

  1. garanzia di accesso ai movimenti per tutti i docenti neo-assunti 2023/2024 proprio in virtù di un regime transitorio
  2.  partecipazione alle assegnazioni del personale ATA ex LSU anche se assunto a tempo parziale
  3. utilizzazione sui posti da DSGA vacanti e disponibili tramite conferimento degli incarichi per svolgimento di mansioni superiori agli assistenti amministrativi con priorità nei confronti di coloro che risulteranno idonei nella graduatoria per le progressioni verticali per funzionari ed elevate qualificazione sempre su base volontaria.

In considerazione di quanto emerso e vista la posizione di partenza, ci siamo impegnati a declinare le osservazioni in modo preciso e articolato. Da parte sua, l’amministrazione ha ritenuto di accogliere la richiesta proveniente da tutte le sigle presenti e di riaggiornare i lavori nel giro di qualche giorno.

Servizi e comunicazioni

Articolo 33, Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Nei prossimi giorni potrai firmare
per il referendum abrogativo.

APPROFONDISCI