FLC CGIL
Referendum CGIL il lavoro è un bene comune

https://www.flcgil.it/@3873535
Home » Scuola » Emanato il Decreto sui prezzi dei libri di testo per il 2010/2011

Emanato il Decreto sui prezzi dei libri di testo per il 2010/2011

Confermata la gratuità per la scuola primaria grazie alle battaglie della FLC CGIL. Tutto invariato per l'a.s. 2010/2011, ma c'è chi vuole abolirla

30/07/2010
Decrease text size Increase  text size

Finalmente emanato il Decreto Ministeriale sui prezzi dei libri di testo.

I Comuni avevano sollecitato il MIUR in tal senso, per poter provvedere all'acquisto dei libri della scuola primaria in tempo utile per l'inizio delle lezioni. Ora potranno farlo.

Tutto rimane sostanzialmente invariato per l'a.s. 2010-2011.

Negli ultimi giorni da più parti si ripropone l'abolizione della gratuità dei libri di testo nella scuola primaria, nella certezza che le amministrazioni locali, le cui finanze saranno ridotte al lumicino dalla manovra correttiva, tirerebbero un respiro di sollievo per l'abolizione di una voce di spesa.

Vedremo che succederà l'anno prossimo.

Certo la FLC si opporrà a ulteriori tagli e restrizioni da infliggere alla scuola pubblica.

Segnaliamo inoltre che sono stati pubblicati nella Gazzetta Ufficiale n. 172 del 26-07-2010 i Decreti del Direttore Generale del 16 luglio 2010 che ripartiscono tra le Regioni e le province autonome di Trento e Bolzano i fondi destinati al sostegno del diritto allo studio (Libri di testo e Borse di Studio).

Servizi e comunicazioni

Articolo 33, Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Nei prossimi giorni potrai firmare
per il referendum abrogativo.

APPROFONDISCI