FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

https://www.flcgil.it/@3840333
Home » Scuola » Concorso per Ispettori scolastici: il Ministero attende un parere del Consiglio di Stato

Concorso per Ispettori scolastici: il Ministero attende un parere del Consiglio di Stato

Il Ministero ha informato i Sindacati che attende un parere del Consiglio di Stato e che la platea di riferimento dei concorrenti deve essere fatta da Docenti e Dirigenti Scolastici.

26/09/2007
Decrease text size Increase  text size

Nell’incontro convocato per oggi su richiesta della FLC Cgil CISL Scuola UIL Scuola SNALS, in merito all’emanazione del bando di concorso per 145 Ispettori di scuola, l’Amministrazione ha informato i Sindacati sullo stato del procedimento di predisposizione degli atti amministrativi.

Il Direttore generale delle Risorse Umane dott. Criscuoli ha informato che a seguito dell’incontro tenuto con i Sindacati del 4 aprile 2007 è stato costituito un gruppo di lavoro ministeriale che ha affrontato i vari aspetti normativi e organizzativi connessi col bando.

Essendosi posto un problema di conciliabilità delle norme, il D.L.vo 165 sul reclutamento della Dirigenza e il 297/1994 sul reclutamento degli Ispettori scolastici, è stato richiesto, con l’ausilio dell’Ufficio legislativo del Ministero, un parere al Consiglio di Stato.

Si è in attesa di tale parere che è stato sollecitato ulteriormente di recente.

La FLC Cgil ha fatto presente, ribadendo e ulteriormente precisando quanto già sostenuto il 4 aprile 2007, che la questione degli Ispettori scolastici va affrontata alla radice. Urge cioè una decisione politica che ponga con chiarezza ruolo e funzione, nella scuola dell’autonomia, di tale figura. Ove dovesse ulteriormente protrarsi l’attesa per l’indizione del bando sarebbe necessario intervenire urgentemente sul piano normativo per fare una scelta sulla necessità di un corpo ispettivo per la scuola italiana, sul numero stesso degli ispettori oggi ridotti al lumicino e non reintegrabili nemmeno a breve con i 145 del futuro concorso. In ogni caso la platea dei concorrenti non deve essere diversa da quella scolastica (Docenti e Dirigenti Scolastici) dovendosi incardinare la figura nei processi educativi e non in quelli gestionali.

L’Amministrazione, nel concludere l’incontro, ha precisato che il richiesto parere al Consiglio di Stato poggia comunque sul fatto che i concorrenti devono essere Docenti e Dirigenti Scolastici, che ciò nasce dal nucleo fondativo del lavoro ispettivo, che la conoscenza disciplinare è questione imprescindibile e che tale figura trae la proprio specificità proprio dalla funzione legata ai processi formativi ed educativi. Ha inoltre affermato che la via legislativa sarà ripresa eventualmente in considerazione dopo aver ricevuto il parere del Consiglio di Stato. Prima di procedere coll’emanazione del bando comunque i Sindacati saranno nuovamente consultati.

Roma 26 settembre 2007

Servizi e comunicazioni

Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook