FLC CGIL
Referendum CGIL il lavoro è un bene comune

https://www.flcgil.it/@3868421
Home » Scuola » Attività alternative all'Insegnamento della Religione Cattolica: quel modulo non s'ha da usare

Attività alternative all'Insegnamento della Religione Cattolica: quel modulo non s'ha da usare

Grave incongruenza tra il testo della circolare sulle iscrizioni per l'a.s. 2010/2011 e i modelli allegati. E' necessario che le scuole provvedano autonomamente a predisporre un proprio modulo.

20/01/2010
Decrease text size Increase  text size

Allegati alla circolare n. 4/10 sulle iscrizioni alla scuola dell’infanzia e del primo ciclo ci sono moduli che, a dire della stessa circolare “sono proposti a scopo orientativo come tracce da contestualizzare”: l'abbiamo segnalato anche nel fascicolo sulle iscrizioni recentemente pubblicato.

Ma riteniamo comunque grave che, per quel che riguarda le attività alternative all'Insegnamento Religione Cattolica, tra il testo della circolare e i moduli allegati vi siano incongruenze.

Di che cosa stiamo parlando?

Della scelta che i genitori degli alunni non avvalentesi dell'Insegnamento Religione Cattolica sono tenuti a fare in merito alle attività alternative.

Nella circolare, al punto 4.:“Insegnamento della religione cattolica e attività alternative”, vengono citate le 3 opzioni possibili ovvero:

  • attività didattiche e formative

  • attività individuali o di gruppo con assistenza di personale docente;

  • non frequenza della scuola nelle ore di insegnamento della religione cattolica

Nell'allegato Modello E - “Modulo integrativo per le scelte degli alunni che non si avvalgono dell'IRC” - le scelte prospettate sono invece solo due, e quella che non compare è la prima: attività didattiche e formative.

Proprio quella che, data anche la fascia di età cui si riferisce la circolare, è la più frequente.

Proprio quella che l'Amministrazione è tenuta a garantire, anche attraverso nomine ad hoc di supplenti.

Si vedano a tal proposito il recente decreto della Direzione Scolastica del Friuli e la nota FLC “Ora alternativa all'insegnamento della religione cattolica”.

Stiamo segnalando in queste ore al MIUR la grave incongruenza tra testo della circolare e Modello E.

Nel frattempo, ad evitare che si producano nei fatti lesioni gravi al diritto di usufruire di attività alternative didattiche e formative a pieno titolo, quindi non con la mera “assistenza” ma con la docenza da parte di insegnanti deputati, invitiamo le scuole a non utilizzare il modello E, ma a produrne (come peraltro previsto) uno proprio che contempli le 3 opzioni garantite dalla legge.

Roma, 20 gennaio 2010

Servizi e comunicazioni

Articolo 33, Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Nei prossimi giorni potrai firmare
per il referendum abrogativo.

APPROFONDISCI