FLC CGIL
Contratto Istruzione e ricerca, filo diretto

https://www.flcgil.it/@3818139
Home » Ricerca » Comunicato stampa dei segretari confederali cgil, cisl, uil, sullo sciopero del 24-10

Comunicato stampa dei segretari confederali cgil, cisl, uil, sullo sciopero del 24-10

Contro la controriforma previdenziale che colpisce pesantemente la previdenza e le pensioni pubbliche.

15/10/2003
Decrease text size Increase  text size

COMUNICATO STAMPA DEI SEGRETARI CONFEDERALI DI
CGIL - CISL - UIL
PATTA-FURLAN-SORGI-FOCCILLO

Le Segreterie Nazionali di CGIL-CISL-UIL, le categorie del Pubblico Impiego della Scuola, dell'Università e della Ricerca, hanno, nell'incontro odierno, confermato le ragioni che sono alla base dello sciopero generale dell'intera giornata per il 24 ottobre al quale anche i pubblici dipendenti parteciperanno in modo massiccio.

Contro la controriforma previdenziale che colpisce pesantemente la previdenza e le pensioni pubbliche.

Contro una finanziaria che non prevede le risorse economiche per rinnovare i contratti, difendendo il potere di acquisto delle retribuzioni, falcidiato dall'inflazione.

Contro una politica di tagli della P.A., della Scuola, dell' Università e della Ricerca, che riduce la qualità dell'intervento pubblico, verso i cittadini e lo stesso lavoro pubblico.

Le Organizzazioni Confederali e delle categorie del Pubblico Impiego e della Scuola hanno richiesto un immediato incontro con il Governo per ottenere una profonda modifica della Finanziaria sui temi del lavoro pubblico, della pubblica amministrazione, della scuola, università e ricerca e incontreranno i gruppi parlamentari, iniziando da domani da quelli dell'opposizione.

Dopo lo sciopero del 24 ottobre le Confederazioni, le categorie del Pubblico Impiego e della Scuola si incontreranno per decidere ulteriori mobilitazioni nell'ambito del prosieguo delle iniziative sia per le questioni generali sia per quelle del Pubblico Impiego.

Roma, 15 ottobre 2003

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Nei prossimi giorni potrai firmare
per il referendum abrogativo.

APPROFONDISCI