FLC CGIL
Referendum CGIL il lavoro è un bene comune

https://www.flcgil.it/@3848287
Home » Ricerca » APAT: la FLC Cgil chiede il rispetto degli accordi e degli impegni presi

APAT: la FLC Cgil chiede il rispetto degli accordi e degli impegni presi

Stabilizzazioni a rischio, applicazione Contratto Integrativo in forte ritardo: queste le comunicazioni del Direttore Generale.

27/05/2008
Decrease text size Increase  text size

E' stata inviata una richiesta d'incontro al presidente dell'APAT per dare soluzione ai problemi del precariato presente in APAT.

Sul tema del precariato e sui ritardi nell'applicazione del Contratto Integrativo sottoscritto il 4 giugno 2007 la FLC ha prodotto un comunicato che alleghiamo.

Roma, 27 maggio 2008
___________________

Al Presidente dell’APAT
Avv. Giancarlo Viglione

Oggetto: richiesta d’incontro al Presidente dell’APAT.

Nell’incontro avuto il 23 maggio 2008 con il Direttore Generale dell’APAT, Dott. Alberto Stancanelli, questa Segreteria Nazionale ha posto con forza la necessità e l’urgenza di dare soluzione ai problemi del precariato presente in APAT ed all’applicazione del Contratto Integrativo sottoscritto il 4 giugno 2007.

Le risposte del Direttore Generale, in particolare per quanto riguarda l’applicazione delle norme sulla stabilizzazione dei precari rappresentano un deciso passo indietro rispetto agli impegni da Lei sottoscritti l’11 luglio 2007 con le segreterie nazionali FLC Cgil e Uil Pa-Ur nel “Protocollo d’intesa per il superamento del lavoro precario”.

Per questa ragione Le chiediamo un incontro urgente al fine di verificare se gli impegni assunti in quell’intesa sono da Lei confermati, in quanto Presidente dell’APAT e quindi dare immediato seguito al completamento del processo di stabilizzazione a suo tempo avviato.

In attesa di un positivo riscontro a questa nostra richiesta, inviamo distinti saluti.

26 maggio 2008

p. la Segreteria Nazionale FLC CGIL
Wolfango Pirelli

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Nei prossimi giorni potrai firmare
per il referendum abrogativo.

APPROFONDISCI