FLC CGIL
Inchiesta nazionale sul lavoro promossa dalla CGIL

http://www.flcgil.it/@3963728
Home » Università » AFAM » AFAM: non si applica l’obbligo vaccinale

AFAM: non si applica l’obbligo vaccinale

Dal 15 dicembre in vigore l’obbligo per la scuola e le forze dell’ordine. Nell’Afam rimangono in vigore le norme sul green pass “base”.

15/12/2021
Decrease text size Increase  text size

Dal 15 dicembre entrano in vigore in alcuni settori le norme sull’obbligo vaccinale previsto dal Decreto Legge 172/21. In particolare il decreto prevede che l’obbligo, già previsto per il personale sanitario, riguardi tra gli altri il “personale scolastico del sistema nazionale di istruzione, delle scuole non paritarie, dei servizi educativi per l'infanzia di cui all'articolo 2 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65, dei centri provinciali per l'istruzione degli adulti, dei sistemi regionali di istruzione e formazione professionale e dei sistemi regionali che realizzano i percorsi di istruzione e formazione tecnica superiore”.

La norma pertanto non riguarda le istituzioni dell’alta formazione artistica e musicale per le quali continuano ad essere applicate le disposizioni previste dal decreto legge 111/21 e alle varie note ministeriali. A tal proposito rimandiamo alla specifica notizia di approfondimento e alla “Scheda FLC CGIL su obblighi e responsabilità relativi al possesso e all’esibizione del Green Pass nell’Afam”.

Ricordiamo che l’obbligo di possesso ed esibizione del green pass “base” riguarda tutti gli studenti, compresi i minorenni, e tutti coloro che per qualsiasi motivo accedono alle istituzioni

Naturalmente non mancano le contraddizioni che la FLC CGIL ha segnalato il 30 novembre nell’incontro di contrattazione al MUR. Le istituzioni Afam spesso svolgono attività performative come concerti, spettacoli teatrali che in questo periodo si svolgono al chiuso. Come è noto coloro che accedono a questi eventi devono possedere ed esibire il green pass rafforzato (vaccinazione e guarigione) e non quello base che invece contempla anche il tampone.

Ricordiamo, invece, che per l’accesso

  • a mostre, musei e altri luoghi della cultura (tranne archivi e biblioteche) è necessario possedere ed esibire il green pass “base” ad eccezione della zona “arancione” in cui è necessario comunque il green pass “rafforzato”
  • ad archivi e biblioteche è necessario possedere ed esibire il green pass “base”.

Naturalmente il decreto è in fase di discussione in Parlamento e durante l’iter di approvazione potrebbero essere approvate ulteriori modifiche di cui daremo tempestivamente conto.