FLC CGIL
Referendum CGIL il lavoro è un bene comune

https://www.flcgil.it/@3821317
Home » Università » Comunicato delle Organizzazioni unitarie della Docenza sull'audizione del 7aprile alla Camera dei Deputati

Comunicato delle Organizzazioni unitarie della Docenza sull'audizione del 7aprile alla Camera dei Deputati

Il giorno 7 aprile 2005, presso la VII Commissione della Camera ha avuto luogo l'audizione delle Organizzazioni sindacali e delle Associazioni rappresentative della docenza universitaria sul disegno di legge sullo stato giuridico dei docenti universitari

12/04/2005
Decrease text size Increase  text size

ADU, ANDU, APU, CISAL-Università, CISL-Università, CNRU, CNU, FIRU, FLC-CGIL, SNALS-Università, SUN, UILPA-UR

Roma, 12 Aprile 2005

C O M U N I C A T O

Il giorno 7 aprile 2005, presso la VII Commissione della Camera ha avuto luogo l'audizione delle Organizzazioni sindacali e delle Associazioni rappresentative della docenza universitaria sul disegno di legge sullo stato giuridico dei docenti universitari.

L'incontro era presieduto dall'On. Pepe, Relatore di maggioranza e unico Parlamentare della maggioranza presente; dell'opposizione erano presenti i Deputati Acquarone, Bimbi, De Simone, Sasso, Tocci, i quali hanno chiesto ai rappresentanti delle Organizzazioni e delle Associazioni presenti la loro posizione attuale sul disegno di legge nel suo insieme e su specifici punti.

Le Organizzazioni sindacali e le Associazioni hanno ribadito le loro posizioni sulla inemendabilità del d.l., sulla necessità di distinguere tra reclutamento ed avanzamento di carriera, sulla terza fascia docente, sull'inammissibilità di una riforma della docenza a costo zero, manifestando anche la loro preoccupazione per una politica ministeriale che, continuando procedere per circolari e note ministeriali, di fatto espropria il potere legislativo del Parlamento e contemporaneamente persegue il suo progetto contro le Università pubbliche. Contro questa politica e questo provvedimento lo stato di attenzione e di mobilitazione continuerà ad essere massimo.

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Nei prossimi giorni potrai firmare
per il referendum abrogativo.

APPROFONDISCI