FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

https://www.flcgil.it/@3843105
Home » Scuola » Sull’applicazione delle disposizioni sui debiti formativi il Ministro invia inaccettabili avvertimenti ai Dirigenti Scolastici

Sull’applicazione delle disposizioni sui debiti formativi il Ministro invia inaccettabili avvertimenti ai Dirigenti Scolastici

Con specifica Nota il Ministro manda a dire ai Dirigenti Scolastici che se non organizzano bene i recuperi dei debiti formativi subiranno conseguenze sul piano della valutazione, della retribuzione di risultato e del conferimento degli incarichi.

30/11/2007
Decrease text size Increase  text size

Registriamo con sconcerto che il Ministro Fioroni ha inviato ai Direttori regionali una nota assai singolare, una nota che farebbe bene a ritirare subito. In essa il Ministro invita ad informare i Dirigenti Scolastici delle scuole superiori che “tempestività, flessibilità ed adeguatezza degli interventi di recupero costituiranno elemento primario di valutazione ai fini della retribuzione dell’indennità di risultato e del conferimento e revoca degli incarichi”.

Notiamo: la valutazione è sistema ancora tutto da costruire per responsabilità politiche e organizzative del Ministero e a nulla valgono i richiami al D.L.vo 286/99 e al Contratto dei Dirigenti Scolastici; la valutazione è fatto complesso, come da leggi e da Contratto che si citano senza averli compresi, e non può essere un solo elemento a determinare conseguenze sulla retribuzione e sugli incarichi; per assurda “par condicio” occorrerebbe individuare negli altri settori scolastici l’elemento strategico che determina tali conseguenze (l’applicazione delle Indicazioni nazionali nelle scuole di base?); la valutazione, che noi pensiamo come uno degli elementi che promuove la professionalità, qui viene degradata a mero strumento di sanzione con conseguenze sul salario e sugli incarichi; tutto ciò non concorre a creare un clima sereno nelle scuole, ma anzi produce effetti esattamente contrari.

Invece di essere vicini alle scuole, sulle quali si “scagliano” scelte più che altro determinate da motivazioni esterne alle scuole stesse eda fatti mediatico-politici, si minacciano le istituzioni scolastiche e i loro operatori.

Che dire? Forse il Ministro sente che il meccanismo del recupero dei debiti, che costituisce di fatto un ritorno di fatto agli esami di riparazione,è di difficile funzionalità e già cerca dei responsabili? Di certo si ripete l’errore già fatto su un altro terreno, quando si indicarono i Dirigenti Scolastici come i responsabili dei debiti per supplenze, salvo fare marcia indietro e dichiarare pubblicamente che mancavano all’appello – visti i tagli operati dal governo Berlusconi – oltre mille milioni euro, dal momento che le scuole avevano applicato leggi e contratti per assicurare il servizio istituzionale scolastico garantito dalla Repubblica.

Metteremo in campo, possibilmente in maniera unitaria, ogni utile iniziativa perché la si smetta con questo modo caporalesco di rapportarsi alla scuola italiana e ai Dirigenti che, insieme con il personale docente e ATA, spendono, ogni giorno, dalla mattina alla sera, tutte le proprie energie dentro la propria scuola.

Roma, 30 novembre 2007

Servizi e comunicazioni

Articolo 33, Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook