FLC CGIL
Contratto Istruzione e ricerca, filo diretto

https://www.flcgil.it/@3881844
Home » Scuola » Sui libri di testo ennesima dimostrazione di disattenzione alle famiglie e alla scuola pubblica del Ministro dell’Istruzione

Sui libri di testo ennesima dimostrazione di disattenzione alle famiglie e alla scuola pubblica del Ministro dell’Istruzione

Emanato il Decreto Ministeriale sulla determinazione dei tetti di spesa dell'intera dotazione libraria per ciascun anno della scuola secondaria di primo e di secondo grado.

12/05/2011
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

Il 10 maggio 2011 il Ministro dell’Istruzione ha emanato il decreto che stabilisce i tetti di spesa per l’acquisto dei libri di testo nella scuola secondaria.

La Circolare Ministeriale n. 18 del 25 febbraio 2011 sull’adozione dei libri di testo per l’anno scolastico 2011/2012 stabiliva che le adozioni dovevano essere deliberate dal collegio dei docenti nella prima decade di maggio.

Quale commento si può fare al fatto che il decreto necessario a stabilire il limite di spesa per l’acquisto dei libri scolastici, così importante in questo momento economico particolarmente difficile per le famiglie, è stato emanato a procedure ormai concluse in tutte le scuole?

Ciò rende evidente la differenza fra la demagogia e il reale interesse per le famiglie e l’attenzione dovuta ai tempi delle decisione nelle scuole, alle competenze degli organi collegiali e alle funzioni di coordinamento dei dirigenti scolastici.

I libri di testo vengono scelti, con il coinvolgimento dei genitori e degli studenti nella scuola superiore, dai collegi dei docenti dopo aver acquisito i pareri dei consigli di classe e a partire dalle proposte dei docenti responsabili degli insegnamenti. Dice la circolare n.18 che “una buona adozione è il frutto di un ponderato equilibrio tra qualità dei libri di testo e il loro costo” e che  i docenti “verificano se l’ammontare della spesa complessiva è compatibile con il tetto, apportando le opportune modifiche”.

I parametri di riferimento il Ministro li indica quando la procedura si è conclusa. Cosa devono fare adesso le scuole: ricominciare da capo? riconvocare i collegi per una verifica e riformulare le decisioni? riunire i collegi e i consigli di istituto per stabilire eventuali incrementi della spesa, nel limite del 10%, attraverso delibere che “debbono essere adeguatamente motivate”?

Disinteresse e scarsa conoscenza delle stesse proprie decisioni da parte del Ministro?

Noi pensiamo che siamo di fronte a un “decisionismo” che ha come solo fine quello di fare propaganda.

Servizi e comunicazioni

Articolo 33, Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Nei prossimi giorni potrai firmare
per il referendum abrogativo.

APPROFONDISCI