FLC CGIL
Referendum CGIL il lavoro è un bene comune

https://www.flcgil.it/@3806263
Home » Scuola » Restituzione ai ruoli metropolitani. Messaggio del MAE

Restituzione ai ruoli metropolitani. Messaggio del MAE

La DGPCC ha inviato il “messaggio, protocollo ”, prot. N. 0049762, relativo alla “restituzione ai ruoli metropolitani" del personale in servizio all’estero a domanda o a fine mandato.

04/02/2004
Decrease text size Increase  text size

Come annunciato, in una nota precedente, in data 3 febbraio 2004 la DGPCC ha inviato il “messaggio, protocollo ”, prot. N. 0049762, relativo alla “restituzione ai ruoli metropolitani" del personale in servizio all’estero a domanda o a fine mandato.

Le scadenze della presentazione delle domande sia in ipotesi di rientro per fine mandato o a domanda è confermato quello indicato nella nostra precedente nota e riportato all’interno del “messaggio” che pubblichiamo di seguito.

_______________________________

MESSAGGIO

Mittente: MAE- Sede- 267- P

Numero protocollo: n.0049762

Data: 3 febbraio

Posizione: L661

Oggetto: Restituzione ai ruoli di provenienza e assegnazione della sede metropolitana del personale docente e non docente di ruolo in servizio presso le istituzioni scolastiche, culturali ed universitarie italiane all'estero, comprese le iniziative di cui ex art.636 del DL.vo 297/94 e i lettorati presso le Università straniere.

Riferimento: O.M. n.9 del 28.01.2004 prot. n.196, C.C.N.I. del 27.01.2004 sulla mobilità del personale docente e ATA per l’a.s. 2004/2005.

Urgenza: USS

Diffusione: Gen.

Modalità: Info.

Redazione: Capitani/Ferraro/Salerno

Firma: Cons. d'Amb.Leonardo Sampoli

Destinatario: TUTTE LE AMBASCIATE E TUTTI I CONSOLATI - RAPPRESENTANZA PERMANENTE PRESSO UE - BRUXELLES

Visione: Ufficio Centrale del Bilancio - D.G.Pe Uff. II Passaporti - D.G.I.E.P.M. Uff. II

Destinatario esterno MAE:

Visione esterno MAE:

TESTO: Le Rappresentanze e gli Uffici Consolari in indirizzo sono pregati di voler notificare tempestivamente, riproducendo in copia il presente messaggio, le disposizioni ivi contenute alle dipendenti istituzioni scolastiche e culturali, alle direzioni delle Scuole Europee e ai lettori in servizio presso le locali Università e di voler richiamare l'attenzione del personale interessato sul rispetto dei termini e delle modalità indicate.

Le modalità per l’assegnazione della sede metropolitana al personale della scuola che rientra a domanda o è restituito ai ruoli per completamento del periodo massimo di servizio all’estero sono stabilite dal CCNI in riferimento, relativo alla mobilità del personale della scuola .

Per l’a.s.2004/05 tali modalità sono riportate nell’art.5 del CCNI sottoscritto il 27.01.2004, le procedure e le scadenze per la presentazione delle domande sono regolate dall’art.3 dell’O.M. n.9 del 28.1.2004.

La cessazione dal servizio all'estero del personale scolastico decorre, di norma, dal giorno in cui ha termine l'anno scolastico nell'ultima sede di servizio, secondo i relativi calendari, e precisamente:

- il 28 febbraio per i Paesi dell'Emisfero Australe;

- il 31 agosto, per tutti gli altri Paesi, compresi Germania e Svizzera per il personale che ha assunto servizio in data 01.09.97;

- il 31 luglio per la Germania limitatamente al personale in servizio presso le scuole bilingui e le iniziative scolastiche in Germania e in Svizzera che abbia assunto servizio ad agosto.

I lettori, indipendentemente dall'emisfero nel quale prestano servizio, cessano alla data del 31 agosto 2004.

1.RESTITUZIONE AI RUOLI METROPOLITANI AL TERMINE DEL PERIODO MASSIMO DI PERMANENZA ALL’ESTERO

Restituzione ai ruoli metropolitani e assegnazione di sede.

Si deve avvalere dell'assegnazione di sede che precede il regolare movimento metropolitano il personale che, titolare di sede in Italia e collocato fuori ruolo per la destinazione all'estero, abbia perso la titolarità, avendo prestato un periodo di servizio all'estero superiore ad un triennio. Il personale in servizio all’estero, il cui rientro e restituzione ai ruoli di provenienza viene disciplinato dall’art.5 del CCNI (che si invia in allegato), è assegnato su una sede disponibile di una provincia di sua scelta tra quelle richieste. La domanda deve essere inoltrata, ai sensi dell’art. 3 dell’ O.M. n. 9 del 28.01.2004 (che si invia in allegato), ai competenti Uffici Scolastici Regionali - Centro Servizi Amministrativi della provincia scelta per il rientro entro il 18 febbraio 2004, ai fini di consentire l’assegnazione di sede di titolarità prima delle operazioni di mobilità.

Nell’impossibilità da parte dell’ufficio di assegnare le sedi richieste, per mancanza di disponibilità, agli interessati è consentito presentare domanda di mobilità al predetto ufficio; la domanda verrà, così, acquisita al Sistema Informativo del Ministero per l’assegnazione della sede definitiva nel corso delle operazioni di trasferimento. Mentre per la predisposizione della domanda di assegnazione della sede non devono essere utilizzati appositi modelli, per la compilazione della domanda di mobilità o di passaggio devono essere utilizzati i modelli acclusi all’ordinanza ministeriale n. 9 del 28.01.2004.

2. RESTITUZIONI AI RUOLI METROPOLITANI A DOMANDA

Ai fini dell'invio a questo Ministero delle domande del personale docente e non docente di ruolo, in servizio all'estero, che aspiri a rientrare nei ruoli metropolitani prima del termine prescritto, si indicano i seguenti termini:

09.02.2004 - presentazione delle domande di restituzione da parte degli interessati alle Rappresentanze diplomatiche e consolari.

11.02.2004 - trasmissione delle domande da parte delle Rappresentanze diplomatiche e consolari a questo Ministero (Anticipando via fax al n. 06/ 36912799 e 06/ 36916706 Ufficio IV)

18.02.2004 - presentazione della domanda di assegnazione della sede di titolarità, prima delle operazioni di mobilità, direttamente all'Ufficio Provinciale prescelto.

Il personale che ha presentato domanda di rientro anticipato, ai fini dell’assegnazione della sede in territorio metropolitano, dovrà attenersi alle indicazioni riportate al precedente punto.

Il testo dell’O.M. n. 9 del 28.01.2004, il C.C.N.I. concernente la mobilità del personale docente e ATA per l’a.s. 2004/2005 del 27.01.2004 e i modelli di domanda che dovranno essere obbligatoriamente utilizzati sono reperibili sul sito internet: www.istruzione.it

ART. 3 dell’O.M. n. 9 del 28.01.2004

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

1. Il personale docente, educativo ed A.T.A. deve indirizzare le domande di trasferimento e di passaggio, redatte in conformità degli appositi modelli riportati negli allegati alla presente Ordinanza e corredate dalla relativa documentazione, all’Ufficio scolastico Regionale . Centro Servizi Amministrativi (1) della provincia di titolarità e presentarle al dirigente scolastico dell’istituto o dell’ufficio presso cui presta servizio.

2. Il personale che presta servizio presso uffici di amministrazioni statali, presenta la domanda di trasferimento al dirigente scolastico dell’istituto di titolarità.

3. Il personale, il cui rientro e restituzione al ruolo di provenienza viene disciplinato dall’art.5 del C.C.N.I. sulla mobilità, deve presentare domanda all’Ufficio scolastico regionale . Centro Servizi Amministrativi della provincia scelta per il rientro, entro il 18 febbraio 2004 ai fini dell’assegnazione di sede di titolarità prima delle operazioni di mobilità. Nell’impossibilità di ottenere le sedi richieste, per mancanza di disponibilità, gli interessati possono presentare domanda di mobilità al predetto ufficio, il quale la acquisisce al sistema informativo per l’assegnazione della sede definitiva nel corso delle operazioni di movimento.

4. Le domande dei docenti appartenenti ai ruoli della Val d’Aosta, intese ad ottenere il trasferimento o il passaggio nelle scuole del rimanente territorio nazionale, debbono essere inviate all’ufficio scolastico regionale per il Piemonte.

5. Le domande debbono contenere le seguenti indicazioni: generalità dell'interessato

(2); il comune e la scuola di titolarità, la scuola o l'ufficio presso il quale il richiedente presta servizio per comando, assegnazione provvisoria o utilizzazione nel corrente anno scolastico (3); per i docenti delle scuole o istituti di istruzione secondaria la classe di concorso di titolarità (4). Nella apposita sezione del modulo domanda debbono essere elencati i documenti allegati.

6. I docenti devono redigere le domande, sia di trasferimento che di passaggio, in conformità ai seguenti allegati, e secondo le istruzioni riferite agli allegati medesimi:

- scuole materne............................................…modelli A1, A3 (allegati G/1 e G/2)

- scuole elementari........................................…modelli B1, B4 (allegati H/1 e H/2)

- istituti istruzione secondaria . di I grado..…modelli C1, C2, C3 (allegati I/1, I/2, I/8)

- istituti istruzione secondaria. di II grado.....modelli D1,D2,D3 (allegati J/1, J/2, J/12)

7. I docenti che intendono chiedere contemporaneamente il trasferimento ed il passaggio debbono presentare una domanda per il trasferimento e tante domande quanti sono i passaggi richiesti. Le domande di passaggio di ruolo possono essere presentate per un solo ruolo.

8. In caso di richiesta contemporanea di trasferimento e di passaggio è consentito documentare una sola delle domande, essendo sufficiente per l'altra il riferimento alla documentazione allegata alla prima. Le domande di passaggio di cattedra o di ruolo debbono contenere l'indicazione della specifica o specifiche abilitazioni possedute, ove necessarie per ottenere il passaggio, o del titolo di specializzazione per l'accesso a scuole con finalità speciali.

9. Al fine di poter consentire la partecipazione alle operazioni di mobilità territoriale e/o professionale di talune categorie, i termini per la presentazione delle relative domande vengono riaperti per il seguente personale:

- personale scolastico che conclude i corsi di riconversione professionale;

- docenti che concludono i corsi di sostegno.

Il termine improrogabile per la presentazione della domanda di mobilità del predetto personale, è fissato a 10 giorni prima delle date previste dall.art.2 della presente O.M. per la comunicazione al C.E.D. delle domande stesse; per altri titoli soggetti a valutazione si fa riferimento al termine ultimo fissato per la presentazione delle domande, previsto dal comma 1 art. 2 della presente O.M.

10. Il personale educativo deve redigere le domande, sia di trasferimento che di passaggio, in conformità agli allegati A) e B) .

11. Il personale A.T.A. deve redigere le domande, sia di trasferimento che di passaggio, in conformità ai modelli MN e PN degli allegati B1 e C1.

12. Le istituzioni scolastiche devono inviare, tempestivamente, le domande di mobilità presentate dal personale ai Centri Servizi Amministrativi della provincia di titolarità del medesimo personale.

13. Le domande debbono essere corredate dalla documentazione attestante il possesso dei titoli per l'attribuzione dei punteggi previsti dalle tabelle di valutazione allegate al contratto sulla mobilità del personale della scuola, nonché da ogni altra certificazione richiesta dallo stesso contratto o dalla presente ordinanza.

14. I titoli di servizio valutabili ai sensi della relativa tabella devono essere attestati dall'interessato sotto la propria responsabilità con dichiarazione personale in carta semplice e riportati nell'apposita casella del modulo domanda.

15. I titoli valutabili per esigenze di famiglia devono essere documentati secondo quanto indicato nell.art. 9 del contratto sulla mobilità.

16. Le dichiarazioni mendaci, le falsità negli atti e l'uso di atti falsi sono puniti a norma delle disposizioni vigenti.

_____________

(1) Ex Provveditorato agli Studi.

(2) Le donne coniugate indicano esclusivamente il proprio cognome di nascita.

(3) Il personale per qualsiasi motivo senza sede definitiva deve indicare soltanto i dati relativi alla sede di servizio. I docenti titolari su posti di dotazione organica provinciale o di sostegno nella scuola secondaria di secondo grado debbono indicare, nello spazio riservato all'istituto di titolarità, il codice e la dizione in chiaro della dotazione organica provinciale o di sostegno nella scuola secondaria di secondo grado, tralasciando di riempire lo spazio riservato al comune di titolarità.

Detti docenti devono indicare, inoltre, in ogni caso, negli appositi spazi, anche i dati relativi alla sede di servizio. I docenti titolari su corsi per l.istruzione e la formazione dell.età adulta devono indicare nello spazio riservato all'unità scolastica di titolarità il codice e la dizione in chiaro del centro territoriale.

(4) Va fatto riferimento alle classi di concorso di cui al D.M. n. 39 del 30.1.1998 e successive integrazioni.

ART. 5 – rientri e restituzioni al ruolo di provenienza ( CCNI del 27.01.2004 )

1. Le operazioni di mobilità del personale docente e A.T.A. sono precedute dalle assegnazioni di sede definitiva disposte nei confronti di quelle categorie di personale che cessano dal collocamento fuori ruolo e che vengano restituiti al ruolo di provenienza. Il personale docente e A.T.A., in servizio presso le istituzioni scolastiche e culturali all.estero, e il personale della scuola elementare che cessi dal collocamento fuori ruolo disposto ai sensi dell.art. 1 comma 5 della Legge 3/8/98 n. 315, nonché il personale docente di cui all.art.35, comma 5, della legge 27.12.2002, n.289 (finanziaria 2003), è assegnato, a domanda, su una sede disponibile di una provincia di sua scelta tra quelle richieste.

2. Il personale di cui al comma 1 del presente articolo ai fini dell.assegnazione della sede di titolarità prima delle operazioni di mobilità, presenterà domanda al competente Ufficio entro i termini stabiliti dall.O.M. sulla mobilità. Il personale docente che cessa dal collocamento fuori ruolo ai sensi del citato comma 5 dell.art. 35 della legge 27.12.2002, n. 289, ha diritto all.assegnazione con precedenza nella scuola, circolo o istituto in cui prestava servizio, mentre il personale utilizzato in sedi diverse dalle istituzioni scolastiche ha diritto, subordinatamente al personale di cui prima, all.assegnazione con precedenza ad una scuola da lui indicata nel comune di servizio. Nel caso vi siano più aspiranti allo stesso posto, troveranno applicazione gli elementi di cui alla tabella per i trasferimenti a domanda.

L.assegnazione dovrà essere disposta dal competente Ufficio entro il termine ultimo di comunicazione al C.E.D. delle domande di mobilità e dei posti disponibili. Nell.impossibilità di assegnare le sedi richieste, per mancanza di disponibilità, il competente Ufficio inoltrerà la domanda al sistema informativo, al fine di assegnare la sede definitiva nel corso delle operazioni di mobilità. Nell.ambito dei trasferimenti il personale predetto è considerato senza sede definitiva e pertanto come proveniente da fuori sede rispetto a qualunque sede richiesta. Qualora non ottenga alcuna delle preferenze espresse nella domanda, sarà assegnato a sede definitiva sui posti residuati prima delle operazioni della terza fase- ovvero della mobilità professionale e mobilità territoriale interprovinciale (fasi dei trasferimenti e dei passaggi). Nel caso in cui il personale in questione non abbia ottenuto alcuna sede neanche nel corso dei movimenti, verrà assegnato a sede definitiva sui posti che si rendono disponibili dopo i trasferimenti e i passaggi, prioritariamente rispetto al rimanente personale senza sede definitiva.

3. Per il personale docente ed educativo, già passato in altro ruolo di insegnamento del comparto scuola, il Direttore Generale dell.Ufficio scolastico regionale, nel limite delle domande prodotte, dispone la restituzione al ruolo di provenienza, nei confronti di coloro che ne hanno fatto richiesta, sui posti rimasti vacanti e disponibili dopo le operazioni di mobilità, fatti salvi gli accantonamenti per le assunzioni a tempo indeterminato. A tal fine conserva validità il titolo di studio previsto al momento dell.accesso al ruolo precedente.

Firma e funzione: Cons d'Amb. Leonardo Sampoli

Capo Ufficio IV D.G.P.C.C.

Roma, 4.2.04

Servizi e comunicazioni

Articolo 33, Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Nei prossimi giorni potrai firmare
per il referendum abrogativo.

APPROFONDISCI