FLC CGIL
Referendum CGIL il lavoro è un bene comune

https://www.flcgil.it/@3814435
Home » Scuola » Proclamato lo stato di agitazione nella Formazione Professionale

Proclamato lo stato di agitazione nella Formazione Professionale

L'8 marzo 2001 presso il Ministero del Lavoro, è stato sottoscritto l'Accordo tra il Coordinamento delle Regioni, gli Enti di Formazione professionale e le OO.SS. confederali e di categoria, che impegnava le Regioni a far realizzare le attività per l'obbligo formativo agli Enti gestori che applicano il contratto di lavoro degli Enti locali e della formazione professionale, sulla base dell'andamento storico delle specifiche realtà regionali

12/04/2001
Decrease text size Increase  text size

L'8 marzo 2001 presso il Ministero del Lavoro, alla presenza del sottosegretario Morese, è stato sottoscritto l'Accordo tra il Coordinamento delle Regioni, gli Enti di Formazione professionale e le OO.SS. confederali e di categoria, che impegnava le Regioni a far realizzare le attività per l'obbligo formativo agli Enti gestori che applicano il contratto di lavoro degli Enti locali e della formazione professionale, sulla base dell'andamento storico delle specifiche realtà regionali. Le parti si impegnavano, inoltre, a definire entro il 2003 il contratto di lavoro del comparto unico della formazione professionale, requisito per l'Accreditamento delle strutture formative.

Le Regioni, a distanza di un mese dalla sottoscrizione di quell'Accordo, lo hanno smentito, negando il contenuto di quanto da esse stesse sottoscritto. Nè viene ancora approvato dalla Conferenza unificata il testo sull'Accreditamento delle strutture formative, che al contratto di comparto fa riferimento. C'è ora il rischio che ne risenta negativamente anche la trattativa per il rinnovo del contratto di lavoro della Formazione professionale, avviata dopo quell'Accordo.

CGIL CISL UIL

CGIL scuola CISL scuola UIL scuola

denunciano

il comportamento ondivago e contraddittorio delle Regioni. In questo modo esse dimostrano di non voler gestire quei compiti istituzionali, che pure rivendicano con decisione.

chiedono

che la Conferenza Unificata approvi il testo sull'Accreditamento delle strutture formative, condizione necessaria alla costruzione di un sistema nazionale di Formazione professionale, in coerenza con gli accordi sottoscritti.

dichiarano

lo stato di mobilitazione della categoria, a sostegno delle ragioni di quell'Accordo e della richiesta di approvazione dell'Accreditamento.

invitano

gli iscritti e tutti i lavoratori del settore a sostenere le iniziative di mobilitazione definite nei prossimi giorni, con manifestazioni a livello regionale, per denunciare il comportamento irresponsabile delle regioni e per richiedere il rispetto degli accordi sottoscritti.

Roma, 12 aprile 2001

Servizi e comunicazioni

Articolo 33, Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Nei prossimi giorni potrai firmare
per il referendum abrogativo.

APPROFONDISCI