FLC CGIL
Referendum CGIL il lavoro è un bene comune

https://www.flcgil.it/@3814431
Home » Scuola » Le norme sull'accreditamento degli Enti vanno approvate

Le norme sull'accreditamento degli Enti vanno approvate

Pubblichiamo il testo del telegramma inviato da Cgil, Cisl e Uil al Presidente dei Presidenti delle Regioni autonome dott. Ghigo, con la quale si sollecita l'approvazione delle norme sull'accreditamento

11/04/2001
Decrease text size Increase  text size

Pubblichiamo il testo del telegramma inviato da Cgil, Cisl e Uil al Presidente dei Presidenti delle Regioni autonome dott. Ghigo, con la quale si sollecita l'approvazione delle norme sull'accreditamento

_____________________

CGIL CISL UIL confederali e di categoria chiedono l'approvazione, da parte della Conferenza Unificata da Ella presieduta, delle norme sull'Accreditamento delle strutture formative, in coerenza con l'Accordo sottoscritto l'8 marzo 2001 dal Coordinamento delle Regioni, gli Enti gestori e le OO.SS. confederali e di categoria. CGIL CISL UIL ritengono inaccettabile l'idea che le Regioni possano smentire e sottrarsi agli impegni assunti dal loro Coordinamento: la mancata approvazione delle norme pregiudica la costruzione di un sistema nazionale di formazione professionale, basato su regole condivise e comuni, la sua qualificazione e l'esercizio stesso del diritto alla formazione per tutto l'arco della vita. A tal fine Le chiedono un incontro urgente.

Roma, 11 aprile 2001

Servizi e comunicazioni

Articolo 33, Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Nei prossimi giorni potrai firmare
per il referendum abrogativo.

APPROFONDISCI