FLC CGIL
Referendum CGIL il lavoro è un bene comune

https://www.flcgil.it/@3809985
Home » Scuola » Fallito il tentativo di conciliazione

Fallito il tentativo di conciliazione

Si è svolto venerdì 5 settembre il previsto incontro per la procedura di conciliazione relativa allo stato di agitazione dei dirigenti scolastici, proclamato da CGIL CISL, UIL scuola e SNALS CONFSAL.

05/09/2003
Decrease text size Increase  text size

Si è svolto venerdì 5 settembre il previsto incontro per la procedura di conciliazione relativa allo stato di agitazione dei dirigenti scolastici, proclamato da CGIL CISL, UIL scuola e SNALS CONFSAL.
Vi hanno partecipato le OOSS interessate e, per il MIUR, il dott. Capo, il dott. Casentino e il dott. Pagliuso.
I lavori sono stati aperti dal dott. Casentino, nuovo responsabile del Personale, che, rispetto alle questioni che sono alla base dello stato di agitazione, ha espresso le seguenti posizioni:

  • sulla CM 49 (estensione ai dirigenti scolastici di alcuni provvedimenti della Legge Frattini, anche in contraddizione con il CCNL della categoria) e sulla richiesta di ritiro della stessa ha manifestato la disponibilità a interpellare la Funzione Pubblica per chiarimenti e precisazioni in proposito;

  • sul concorso ordinario ha comunicato che il MIUR ha avviato formalmente la procedura, con la richiesta ufficiale al Dipartimento della Funzione Pubblica, per l’espletamento del concorso ordinario per i dirigenti scolastici;

  • sul Contratto ha richiamato che c’è un impegno del Ministero per inserire il finanziamento del contratto scaduto dei Dirigenti scolastici nella prossima finanziaria.

L’intervento successivo del dott. Capo ha ribadito e integrato le posizioni prima espresse dal dott. Cosentino.
Gli interventi di tutte le OOSS presenti hanno unanimemente sostenuto che le risposte alle richieste avanzate risultavano del tutto insufficienti e che pertanto confermavano lo stato di agitazione che si concretizzerà – è stato affermato – in iniziative di protesta che verranno calendarizzate nei prossimi giorni.

Nell’incontro la CGIL scuola ha sostenuto in particolare le seguenti posizioni:

- la CM 49 andrebbe ritirata immediatamente in quanto un atto improvvido e provocatorio; sia per il merito (non tiene conto dell’odg del parlamento, tende a negare le specificità della dirigenza scolastica, così come risultano declinate nel CCNL della categoria); che per i tempi (con una situazione contrattuale pesante per via delle code non ancora risolte e per un contratto scaduto da 17 mesi); che per il contesto politico complessivo (lo stesso Ministro della F.P. aveva espresso nel periodo in cui è stata emanata l’orientamento di rivedere complessivamente la Frattini);

- i chiarimenti sul contratto risultano del tutto insoddisfacenti: non si può riparlare ancora di un tavolo tecnico per affrontare questioni già dibattute nel lavoro istruttorio sulla parte normativa fatto nei primi mesi di quest’anno - a cui non è seguito nessun atto dell’Amministrazione –; lo stesso giudizio negativo va espresso sugli impegni relativi alle risorse finanziarie; la situazione – è stato ribadito – è oggettivamente pesante e tale che le forme di agitazione non possono che diventare più dure e prevedere anche una manifestazione nazionale e uno sciopero della categoria;

- anche sul concorso le promesse del MIUR in questi anni e i suoi comportamenti concreti sul concorso ordinario impediscono di abbassare la guardia rispetto ad una questione che è interesse non solo delle OOS ma anche dell’Amministrazione risolvere tempestivamente.

A conclusione dell’incontro, le OOSS hanno presentato una dichiarazione a verbale unitaria sottoscritta dai quattro segretari generali in cui si afferma che non ci sono le condizioni per addivenire ad una conciliazione e si conferma lo stato di agitazione.
Subito dopo, le quattro organizzazioni hanno stilato un comunicato congiunto che si riporta di seguito assieme alla dichiarazione a verbale.
___________________________________________

Roma 5 settembre 2003

RIUNIONE PER L’ESPLETAMENTO DELLE PROCEDURE DI RAFFREDDAMENTO E CONCILIAZIONE AI SENSI DELLA LEGGE N. 146/90, CONVOCATA PER IL GIORNO 05.09.03.

AREA V DELLA DIRIGENZA
DICHIARAZIONE A VERBALE DI
SNALS CONFSAL - CGIL Scuola - CISL Scuola - UIL Scuola

Le suddette Organizzazioni Sindacali,

premesso

che con nota del 29.08.03 hanno dichiarato lo stato di agitazione dei Dirigenti Scolastici di cui all’area V della Dirigenza statale, ai sensi dell’art. 2, comma 2, della legge 12.06.90, n. 46, modificata dalla legge n. 83/2000;

preso atto

che nella riunione che ha avuto luogo in data odierna non sono emersi elementi certi e determinanti atti a dimostrare una reale volontà della parte pubblica a fornire risposte oggettive ,in termini di provvedimenti e risorse ,per il rinnovo del Contratto dei dirigenti scolastici scaduto il 31.12.2001, ancora in attesa del prescritto Atto di Indirizzo, e per il quale non vi sono stanziamenti , al fine di pervenire alla piena equiparazione retributiva complessiva alle altre aree della Dirigenza statale, per la quale più volte vi sono stati precisi impegni di parte pubblica;

considerato

che la C.M. n. 49 del 16.05.03, di cui si è chiesto invano il formale ritiro, è da considerarsi illegittima e lesiva delle prerogative riconosciute dallo stesso Parlamento alla specificità della Dirigenza scolastica ;

preso altresì atto

che non è stato ancora indetto il concorso ordinario per l’accesso alla Dirigenza scolastica, concorso il cui bando avrebbe dovuto essere contestuale a quello per le procedure di reclutamento riservate, già iniziate da quasi un anno;

dichiarano formalmente che le gravi e perduranti inadempienze della parte pubblica non consentono di addivenire ad una conciliazione e al contempo confermano lo stato di agitazione della categoria, riservandosi di porre in atto ogni azione consentita dal vigente ordinamento, sia in sede sindacale che giurisdizionale , a tutela dei Dirigenti scolastici.

COMUNICATO DI CGIL CISL UIL SCUOLA E SNALS-CONFSAL / DIRIGENTI SCOLASTICI

INSODDISFACENTI LE RISPOSTE DEL MIUR I DIRIGENTI VERSO FORME DURE DI PROTESTA

La procedura di conciliazione attivata in seguito alla proclamazione dello stato di agitazione dei Dirigenti scolastici si è conclusa negativamente.

L’Amministrazione non ha dato risposte soddisfacenti a nessuna delle richieste avanzate dai Sindacati.
Pertanto CGIL CISL UIL SCUOLA e SNALS-Confsal / Dirigenti scolastici confermano la loro volontà di mobilitazione per sostenere le loro rivendicazioni:
- atto di indirizzo per il rinnovo contrattuale scaduto dal 31 dicembre 2001
- risorse in finanziaria per la dovuta equiparazione economica con i livelli retributivi della dirigenza pubblica
- bando di concorso ordinario per il reclutamento dei dirigenti scolastici
- ritiro della CM 49 del 16.5.03 che estende alla dirigenza scolastica alcuni vincoli della Legge Frattini (obiettivi e durata dell’incarico) in contraddizione con quanto sottoscritto nel CCNL dei dirigenti scolastici.

Le iniziative di mobilitazione si svilupperanno a partire dai prossimi giorni con assemblee regionali, incontri con gruppi parlamentari e forze politiche e una pubblica manifestazione nazionale. Tali iniziative sono destinate a concludersi, se non si otterranno compiutamente tutti gli obiettivi indicati, con uno sciopero della categoria.

Il calendario delle iniziative sarà definito e comunicato nei primi giorni della prossima settimana.

Roma, 5 settembre 2003

Servizi e comunicazioni

Articolo 33, Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Nei prossimi giorni potrai firmare
per il referendum abrogativo.

APPROFONDISCI