FLC CGIL
Sciopero 8 marzo 2024

https://www.flcgil.it/@3814355
Home » Scuola » CM 68, nuova circolare sul decreto di attuazione legge 53. Rettificata la CM 62/03

CM 68, nuova circolare sul decreto di attuazione legge 53. Rettificata la CM 62/03

Il Ministero, in data 8 agosto 2003, ha emanato la Circolare Ministeriale n. 68, che pubblichiamo, per rettificare la precedente CM n. 62 del 22 luglio scorso, che accompagna il DM 61 di pari data.

11/08/2003
Decrease text size Increase  text size

Il Ministero, in data 8 agosto 2003, ha emanato la CM n. 68, che pubblichiamo, per rettificare la precedente CM n. 62 del 22 luglio scorso, che accompagna il DM 61 di pari data.
Si tratta di una vera e propria marcia indietro, immediatamente successiva alla presentazione del ricorso al TAR della CGIL Scuola contro decreto e circolare su progetto nazionale di innovazione nella scuola elementare.
La nuova circolare cancella tre capoversi della CM 62, dichiarandoli addirittura come “non formulati” e con essi la possibilità illegittimamente prospettata di poter modificare i modelli organizzativi della scuola elementare in assenza di una norma legislativa attuativa della legge delega.
Il Ministero riconosce l’impossibilità, per le scuole aderenti al progetto nazionale, comprese le 251 della sperimentazione a.s. 2002/03, di attuare il docente coordinatore – tutor e le altre modifiche strutturali previste dal capitolo “vincoli e risorse” delle Indicazioni Nazionali.
Il Ministero ora precisa che “il progetto suddetto si limita ai contenuti delineati nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio personalizzati relativi alle prime due classi della scuola primaria”.
Quanto è accaduto è abbastanza chiaro: al MIUR “ci hanno provato”, hanno tentato di forzare un decreto ministeriale, già illegittimo, per realizzare il disegno di diffondere il più possibile forme mascherate di attuazione della legge 53/03.
Dal 22 luglio all’8 agosto, in merito al progetto nazionale di innovazione, non vi sono stati confronti né interlocuzioni tra Organizzazioni Sindacali e Amministrazione, ma un unico fatto di rilievo; la presentazione del ricorso della CGIL Scuola contro il DM 61 e la CM 62.
Con la CM 68/03, a fronte dell’impugnativa della CGIL Scuola, il Ministero cerca di rientrare rispetto agli elementi più palesemente illegittimi ma rimangono confermate tutte le ragioni del nostro ricorso contro il progetto nazionale di innovazione in quanto non rispondente alle caratteristiche delle sperimentazioni ex art.11 DPR 275/99.
Quest’ultimo episodio conferma modalità di attuazione della Legge 53/03 che lasciano a dir poco allibiti a causa della loro improvvisazione e approssimazione: sembra che il Ministro proceda a tentoni.
Dopo l’approvazione della legge il Ministro annuncia trionfalmente che la riforma sarà attuata dal prossimo anno scolastico nella scuola elementare. Poi, scuole, Organizzazioni Sindacali e Associazioni Professionali respingono la bozza di decreto attuativo, allora il Ministro si ferma. Per salvare la faccia cerca di far passare una forma di attuazione strisciante e mascherata attraverso un decreto ministeriale di sperimentazione. Ma la Delegazione Valore Scuola esprime parere contrario al Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione e la Cgil Scuola promuove un ricorso al TAR. A questo punto il Ministero fa una parziale ma insufficiente retromarcia, che disvelare, comunque, il tentativo illegittimo in corso di spingere le scuole ad attivare forme di organizzazione didattica in contrasto con i tuttora vigenti ordinamenti della scuola elementare.
Anche a proposito dell’anticipo nella scuola dell’infanzia per il prossimo anno scolastico, era stata data per imminente l’emanazione di una circolare di riapertura delle iscrizioni. Poi l’ANCI ha preso una netta posizione contraria, la CGIL Scuola ha messo in luce l’assenza delle condizioni temporali e organizzative per realizzare interventi adeguati e ha riproposto la priorità di investire per eliminare tutte le liste di attesa nella scuola dell’infanzia. Anche su questo punto il Ministro sembra aver rinunciato, una volta preso atto del dissenso prodotto dall’annuncio delle scelte attuative della Legge 53/03.

Sembra una strategia “stop and go”: in realtà siamo di fronte a un ben più modesto “vorrei ma non posso”.

Roma, 11 agosto 2003
___________________

Circolare n. 68
Prot. n. 2131 - DIP. Segr. Roma, 8 agosto 2003

Oggetto: Decreto Ministeriale n. 61 del 22 luglio 2003 e Circolare di accompagnamento n. 62 di pari data.

In relazione a quesiti in ordine all’esatto ambito di applicazione del progetto nazionale di innovazione di cui al D.M. n. 61 del 22.07.2003 e alla Circolare di accompagnamento n. 62 di pari data, si precisa che, come previsto espressamente dal D.M. n. 61 sopra citato, il progetto suddetto si limita ai contenuti delineati nelle Indicazioni Nazionali per i piani di studio personalizzati relativi alle prime due classi della scuola primaria.
Conseguentemente i capoversi 5-6-7 del paragrafo “contenuti del provvedimento”, di cui alla menzionata circolare n. 62 si intendono come non formulati, in quanto non rientranti negli obiettivi del progetto nazionale suddetto.

IL CAPO DIPARTIMENTO
Pasquale Capo

Servizi e comunicazioni

Articolo 33, Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook