FLC CGIL
Contratto Istruzione e ricerca, filo diretto

https://www.flcgil.it/@3923217
Home » Scuola » Personale ATA » Sbloccate le posizioni economiche ATA con decorrenza gennaio 2015. Inaccettabile l’esclusione di una parte degli aventi diritto

Sbloccate le posizioni economiche ATA con decorrenza gennaio 2015. Inaccettabile l’esclusione di una parte degli aventi diritto

Soddisfazione per un riconoscimento dovuto e finora negato dal MEF. La FLC CGIL sosterrà in ogni sede il personale che invece si continua a discriminare.

18/05/2015
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

Con la nota 43 del 18 maggio 2015, che pubblichiamo in allegato, il Ministero dell’Economia e Finanze - Dipartimento dell’amministrazione generale, del personale e dei servizi - comunica che le prime e seconde posizioni economiche del personale ATA, che finora erano state bloccate dal MEF che sosteneva il diritto al pagamento solo dal settembre 2015, saranno pagate con decorrenza gennaio 2015. La liquidazione degli arretrati relativi al periodo 1 gennaio - 31 maggio 2015 avverrà entro la fine di maggio 2015 e riguarderà i beneficiari con decorrenza dell’attribuzione dal 1 settembre 2011 al 31 agosto 2014.

È una vittoria della tenace battaglia condotta dalla FLC CGIL, unitamente alle altre Organizzazioni sindacali, che ha sempre respinto con decisione l’interpretazione restrittiva e ingiusta del Ministero di Via XX settembre.

Ma la vicenda per noi non è chiusa qui. Infatti, nella nota nulla si dice dei beneficiari delle posizioni economiche attribuite, secondo la normativa contrattuale, dopo il settembre 2011. E questo per le gravi responsabilità in capo agli Ambiti Territoriali o agli USR o al MIUR che con grave inadempienza non hanno comunicato tempestivamente i nominativi di tali beneficiari.

La FLC CGIL riprenderà a battersi per il riconoscimento dovuto a questi lavoratori che vengono inspiegabilmente penalizzati, tenuto conto che, dalla conclusione del percorso per l’acquisizione della posizione economica, essi svolgono, senza la relativa retribuzione, l’incarico corrispondente.

Ogni sede, da quella politica a quella amministrativa a quella giudiziaria, sarà agita affinché, come è accaduto già per una parte dei colleghi finora ingiustamente penalizzati, anch’essi ricevano quanto loro spetta.

Servizi e comunicazioni

Lavorare nella conoscenza
Come si diventa ATA

Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook