FLC CGIL
Sciopero 8 marzo 2024

https://www.flcgil.it/@3969171
Home » Ricerca » Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli, arriva il nuovo Presidente. Finalmente un punto di svolta!

Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli, arriva il nuovo Presidente. Finalmente un punto di svolta!

Con una tempistica adatta alla situazione emergenziale, il MUR ha nominato il nuovo Presidente con decorrenza dal 26 gennaio 2024 e il Comitato di selezione dei presidenti degli enti, presieduto dal Nobel Parisi, ha usato molto meno dei 60 giorni a sua disposizione per individuare la rosa di nomi da proporre al ministero. Bene così.

31/01/2024
Decrease text size Increase  text size

La nomina del Prof. Bassi da parte del MUR alla guida della Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli, rappresenta un punto di svolta perché chiude finalmente una fase difficile apertasi all'indomani delle dimissioni del Prof. Bowler, avvenute il 27 ottobre 2023. Infatti, abbiamo passato questi mesi di vacanza del massimo organo di vertice con le difficoltà tipiche di un Ente Pubblico di Ricerca a cui manca il soggetto principale atto a garantire l’indirizzo programmatico amministrativo dell’Anton Dohrn e che ne ha la responsabilità tecnico scientifica. Non che la SZN non se la sia saputa cavare in questi mesi, anzi, ma è evidente che la compiutezza degli organi di vertice in un Ente di Ricerca sono condizione essenziale per il suo migliore e corretto funzionamento, anche riguardo al “Benessere Organizzativo” di tutte le lavoratrici e di tutti i lavoratori che operano al suo interno.

Forse possiamo dire che lo stesso Bowler, dimessosi molto anzitempo rispetto alla scadenza del suo mandato, sia stato “vittima” di un conflitto che continua ad esistere fra una passata, recente gestione dell’Ente - che ancora vive nei suoi gangli e nell’organizzazione del lavoro - e una nuova che tarda ad affermarsi e ad avere una sua identità.

Non ci interessa qui fare un bilancio su questi anni di gestione passata, cosa che faremo in altra sede, ma vogliamo inviare al Prof. Bassi i nostri migliori auguri di buon lavoro, con l’auspicio che sappia traghettare la SZN verso lidi più cheti, a partire da una più attenta gestione economica, visto che l’era Danovaro si è chiusa con una perdita di esercizio che ha determinato una riduzione del patrimonio netto di 3.993.200,77€ (come da Bilancio 2022 approvato dalla delibera CDA n. 164/2023 del 16 ottobre 2023), per un rinnovato rafforzamento della propria mission e per una piena valorizzazione delle competenze professionali del proprio personale.

A proposito di disavanzo economico, segnaliamo come in esso siano comprese anche le spese legali che l’Ente ha dovuto sostenere per querelare la nostra organizzazione FLC CGIL (oltre che il quotidiano La Repubblica), per una presunta diffamazione che sarebbe stata compiuta nei confronti dell’allora presidente Danovaro attraverso il nostro comunicato del 18 giugno 2021. Una querela per la quale il PM incaricato a suo tempo, propose l’archiviazione per insussistenza dei fatti, scelta alla quale si oppose il Danovaro, in qualità di legale rappresentante dell’Ente (millantando sicumera sulle proprie ragioni che avrebbero costretto la FLC ad una condanna esemplare e conseguente risarcimento per danni di immagine che, a detta del querelante, sarebbe stato devoluto alla ricerca), coinvolgendo in questa sciagurata scelta lo stesso Bowler, che nel frattempo era diventato Presidente dell’Ente. Un ulteriore disperato tentativo non andato a buon fine, come dimostra la sentenza definitiva del GIP del Tribunale di Roma che in data 19 novembre 2023, ribadiva la proposta di archiviazione del caso (analoga sentenza era stata espressa nei confronti del giornale La Repubblica), che ha costretto la SZN ad un inutile esborso economico per spese legali.

Altro che devoluzione alla ricerca delle somme pretese per le presunte diffamazioni e conseguente danno d’immagine per l’Ente! Forse qualcuno dovrebbe personalmente risarcire l’Ente per l’inutile aggravio di spese causato.

Di nuovo auguri al Prof. Bassi, perché la sua nomina possa essere non solo punto di svolta, ma anche occasione di rilancio scientifico per la Stazione Zoologica “Anton Dohrn” di Napoli!