FLC CGIL
Contratto Istruzione e ricerca, filo diretto

https://www.flcgil.it/@3870657
Home » Ricerca » ISPRA, sindacati uniti verso la mobilitazione

ISPRA, sindacati uniti verso la mobilitazione

Chiesto un incontro al Ministro e programmata una manifestazione sotto il Ministero dell'Ambiente.

20/04/2010
Decrease text size Increase  text size

Il Ministero dell'Ambiente disattende gli impegni e il Protocollo d'Intesa sul Precariato sottoscritto il 20 gennaio u.s., proroga "sine-die" il commissariamento e si accinge ad emanare Norme di Regolamento contestate da tutti i sindacati che limitano fortemente l'autonomia dell'ISPRA.

Le Organizzazioni sindacali Confederali si accingono a intraprendere un'iniziativa di mobilitazione sotto il Ministero entro la fine del mese di aprile.

Roma, 19 aprile 2010
_________________

FLC CGIL – FIR CISL – UILPA UR Afam – ANPRI
Resoconto sintetico riunione 8 aprile 2010

Si è svolto giovedì 8 aprile l'incontro tra le OO.SS. e il Capo del Dipartimento Affari Giuridici e Gestione del Personale, dott. La Commare, recentemente nominato, al quale si è aggiunto il subcommissario dott. Laporta.

Nel corso dell'incontro il dott. La Commare ha precisato che tutti gli incarichi decadranno al momento della nomina dei vertici e del Direttore Generale dell'ISPRA.

A questo riguardo le OO.SS. hanno richiesto copia del decreto di proroga del mandato commissariale, avendo avuto informazioni che il decreto interministeriale, che emana il Regolamento ISPRA, è attualmente alla registrazione della Corte dei Conti.

Adempimento che precederà la nomina del Presidente, del CdA e del Direttore Generale.

Sui contenuti del Regolamento le OO.SS. ribadiscono il giudizio critico rispetto, tra l'altro, al quadro ordinamentale del personale e all'autonomia dell'Istituto.

Il dott. La Commare ha informato le OO.SS. del programma che intenderà realizzare durante il suo mandato in particolare: l'applicazione degli istituti contrattuali ancora non applicati anche a seguito del vigente CCNL, la definizione del salario accessorio ISPRA 2009 e, sollecitato dalle OO.SS., il completamento dei Contratti Integrativi sottoscritti e non ancora applicati nonché la sottoscrizione degli accordi relativi al trattamento accessorio ex INFS ed ex ICRAM.

Le OO.SS. sono state informate di una "limatura" fatta sul bilancio ISPRA di 13 milioni di euro e che l'attuale finanziamento ordinario ISPRA è pari a quello ex APAT del 2007. Elemento questo che sancisce ulteriormente come l'istituzione di ISPRA abbia avuto, come unico risultato, la riduzione drastica dei fondi del finanziamento ordinario senza tener conto delle effettive esigenze derivanti dalla costituzione dell'Istituto

Superiore per la Protezione Ambientale per lo svolgimento delle attività sulle politiche ambientali in Italia, tant'è che da quasi due anni siamo ancora in gestione "commissariale" ormai sine-die.

L'amministrazione ha preso atto della relazione della Corte dei Conti che ha contestato i bilanci ex INFS ed ex ICRAM per gli anni 2007, in particolare nell'accertamento di disponibilità finanziarie in entrata e di accantonamenti dovuti al Personale in uscita nonché problemi di trasferimento di risorse dai disciolti Servizi

Tecnici ad ANPA.

L'univoca posizione delle OO.SS. è che le "censurate" gestioni degli ex ENTI non possono

assolutamente ricadere sul personale e vanno perseguite le responsabilità!!!

Per quanto riguarda il Protocollo d'intesa sul Precariato è stata verificata l'attuale applicazione dei vari punti dell'accordo, alcuni dei quali, a causa della situazione finanziaria, rischiano di non poter essere applicati.

Il dott. Laporta ha ribadito che fino a quando il bilancio non sarà riassestato, si prevedono circa due mesi, non saranno attivati nuovi contratti di co.co.co. e T.D. mentre il piano assunzioni a T.I. verrà completato.

È stata confermata la volontà di rinnovare i contratti a tempo determinato in servizio e di prossima scadenza, nonché a procedere con lo scorrimento, ove possibile, delle graduatorie di idoneità dei concorsi in itinere al fine di trovare soluzione anche a parte del Personale scaduto a giugno 2009.

Per quanto riguarda l'aggiornamento del programma triennale di assunzioni a tempo determinato e a tempo indeterminato è in via di definizione la ricognizione delle risorse disponibili dal turn-over del prossimo triennio (circa 35 unità), che sono apparse alle OO.SS. sottostimate; inoltre entro aprile dovrebbe completarsi la verifica dei fascicoli personali dei dipendenti che hanno raggiunto il limite di età per la pensione o il massimo di anzianità contributiva (40 anni).

Per quanto riguarda invece la prossima riorganizzazione, è stato preso l'impegno da parte del dott. Laporta di consegnare alle OO.SS., prima della fine del mese, una bozza di documento in cui viene delineata la " mission" dell'ISPRA a partire dai mandati che la normativa assegnava ai tre enti confluiti nell'Istituto.

Infine, in relazione all'istituenda Agenzia per la Sicurezza Nucleare, ha confermato che, da parte ISPRA, non si è ancora proceduto alla identificazione del personale (50 unità) interessato al trasferimento, visto anche il fermo proposito di mantenere nell'ente un "presidio" sul nucleare.

Nella giornata odierna si terrà un incontro tecnico con il dr. La Commare per la discussione dello stato di applicazione degli istituti contrattuali avviati e da avviare.

Le OO.SS. hanno manifestato la loro preoccupazione in ordine alla progressiva e consistente riduzione dei

finanziamenti di ISPRA che minano la praticabilità delle attività istituzionali e hanno stigmatizzato la scarsa

attenzione del Ministro al rafforzamento del ruolo dell'istituto e alla continuità delle funzioni già proprie dei tre

enti confluiti in un istituto "fortemente voluto" dal Ministro stesso.

Per affrontare tutte le problematiche che "incombono" su ISPRA, nell'immediato e nel prossimo futuro, le OO.SS hanno già richiesto un incontro al Ministro e programmato per il corrente mese una manifestazione sotto il Ministero dell'Ambiente.

Per un'efficace organizzazione dell'iniziativa sarà calendarizzata, nell'immediato, la data e comunicata a breve.

Altre notizie da:

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Al via la
campagna referendaria.

APPROFONDISCI