FLC CGIL
Contratto Istruzione e ricerca, filo diretto

https://www.flcgil.it/@3870615
Home » Ricerca » ISFOL: prosegue la mobilitazione

ISFOL: prosegue la mobilitazione

Insoddisfacente l’incontro con il Presidente a seguito del presidio del 14 aprile.

19/04/2010
Decrease text size Increase  text size

A seguito del presidio dei lavoratori Isfol del 14 aprile, convocato alle 11.00, una delegazione FLC CGIL ed USI-RdB è stata ricevuta dal Presidente in tarda mattinata. Sono state rinnovate le richieste di chiarimento avanzate dall'Assemblea dell'8 aprile scorso. Il poco tempo disponibile, trattandosi di un incontro non programmato, non ha consentito di sviluppare un confronto approfondito su tutte le nostre richieste. Tuttavia, il confronto ha evidenziato che i vertici dell'Istituto, pur confermando la necessità di un processo di riorganizzazione, non dispongono di un quadro concettuale ed operativo da sottoporre alle Organizzazioni Sindacali ed al personale. Questo è quanto ci è stato riferito, pur in presenza di incontri più o meno formali tra dirigenti e responsabili, che si sono intensificati in questi ultimi tempi. Tutto questo conferma le nostre preoccupazioni sul futuro dell'Istituito e di tutti i lavoratori e ci induce a mantenere alta la vigilanza su quanto sta accadendo in tutte le strutture operative dell'Istituto. L'assenza di chiarezza da parte dei vertici sul futuro dell'Ente, a tanto tempo dalla stabilizzazione e dalla trasformazione dei collaboratori in dipendenti a tempo determinato, è un fatto gravissimo: dimostra l'incapacità o la non volontà della dirigenza a progettare quello sviluppo, che da sempre abbiamo indicato come essenziale elemento per la valorizzazione delle nostre competenze e per la salvaguardia del futuro dell'Ente pubblico di ricerca.

Le OO.SS.. hanno rilevato che la sede unica "prescelta" pone problemi seri riguardo ad alcuni parametri quali: vicinanza della fermata metro e quindi della stazione ferroviaria, problematiche inerenti la mensa di un così elevato numero di dipendenti e non ultimi problemi di capienza del personale e parcheggi a disposizione. Per giunta a fronte di questa prospettiva si persegue nel trasloco di intere Aree da una sede all'altra.

Sulle altre tematiche poste nell'assemblea dell'8, la mobilitazione prosegue:

  • processo di acquisizione della sede unica;

  • programma di assunzioni;

  • formazione professionale;

  • applicazione del contratto integrativo 2009;

  • contratto integrativo 2010.

Si ringrazia il personale che ha aderito e sostenuto il presidio e invitiamo tutte/i ad un più ampio sostegno alle prossime tappe della mobilitazione.

Roma, 19 aprile 2010

Altre notizie da:

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Al via la
campagna referendaria.

APPROFONDISCI