FLC CGIL
Contratto Istruzione e ricerca, filo diretto

https://www.flcgil.it/@3842309
Home » Ricerca » Enti pubblici di ricerca: il contributo della FLC Cgil al rinnovo contrattuale 2006-2009

Enti pubblici di ricerca: il contributo della FLC Cgil al rinnovo contrattuale 2006-2009

Documento della segreteria nazionale FLC Cgil

16/11/2007
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

La segreteria nazionale FLC Cgil nei giorni scorsi ha predisposto un documento sul rinnovo contrattuale 2006-2009 quale contributo all’elaborazione di una piattaforma unitaria ed in vista dell’avvio delle trattative conseguenti all’emanazione dell’atto di indirizzo.

Pubblichiamo di seguito la premessa al documento che alleghiamo in versione integrale.

Roma, 16 novembre 2007
____________________

Enti Pubblici di Ricerca
Il contributo della FLC CGIL al rinnovo contrattuale 2006-2009

La FLC CGIL ha avviato da tempo una riflessione nei propri organismi dirigenti sul rinnovo contrattuale del comparto ricerca per il quadriennio 2006 – 2009 e per il biennio economico 2006 – 2007.
Con il documento che segue intendiamo offrire il nostro contributo alla definizione della piattaforma unitaria.
L’emanazione dell’Atto di Indirizzo da parte del Comitato di settore è da tempo al centro della nostra azione. Nel mese di aprile abbiamo richiesto un impegno formale al Governo, successivamente abbiamo sollecitato un ulteriore intervento del Ministro Nicolais vista l’assenza di risposte, il Comitato di Settore si era impegnato ad emanare l’Atto di Indirizzo entro la metà del mese di luglio 2007, l’ulteriore latitanza ci ha indotto, unitariamente, a proclamare lo sciopero generale per denunciare, fra l’altro, un comportamento grave del Comitato di Settore che porterà a rinnovare questo contratto abbondantemente oltre la scadenza dei termini.
Il nostro sciopero generale ha sbloccato l’Atto di Indirizzo che finalmente ha iniziato il suo iter.
Non doveva essere così perché la definizione del comparto contrattuale, con l’ingresso dell’Enea, e la definizione delle risorse disponibili avrebbero reso possibili un’altra tempistica.

L’Atto di indirizzo predisposto dal Comitato di settore è attualmente all’esame del Ministero dell’Economia e del Dipartimento della Funzione Pubblica. La conclusione dell’iter propedeutico all’emanazione formale è prevista a breve.
Vi sono quindi le condizioni per avviare le trattative all’Aran in tempi brevi.
Non appena sarà reso noto nella versione definitiva lo pubblicheremo.
Auspichiamo che l’iter di esame ed approvazione possa produrre miglioramenti alla stesura licenziata dal Comitato di Settore che in molte parti è insoddisfacente se non condivisibile. Infatti è assente dall’atto di indirizzo qualsiasi riferimento al precariato, allo sviluppo delle relazioni sindacali ed all’ingresso dell’Enea cosi come non affronta in modo soddisfacente i temi del sottoinquadramento e delle risorse per la valorizzazione professionale del personale.

Nonostante le nostre tempestive e ripetute sollecitazioni solo nelle prossime settimane inizierà il lavoro unitario per sottoporre ad una preventiva discussione con i lavoratori una piattaforma unitaria.
Con questo documento aperto intendiamo offrire il nostro contributo, sollecitando una discussione con le Organizzazioni sindacali confederali, che siamo ulteriormente impegnati perché avvenga prestissimo, e tra i lavoratori, finalizzata a sostenere positivamente il confronto e la trattativa contrattuale che si aprirà a breve.

Quello che segue non è un documento esaustivo di tutti i temi che saranno oggetto del rinnovo contrattuale; su alcuni di questi la FLC Cgil ha voluto intenzionalmente mantenere aperta la discussione rispetto a possibili e diverse soluzioni.

E’ con questo spirito che vogliamo avviare una fase di confronto con i lavoratori e le lavoratrici degli Enti di Ricerca finalizzata a sollecitare la ricerca unitaria di soluzioni ai diversi e complessi problemi che stanno attraversando il comparto.

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Nei prossimi giorni potrai firmare
per il referendum abrogativo.

APPROFONDISCI