FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

https://www.flcgil.it/@3964567
Home » Notizie dalle Regioni » Piemonte » "NO alla guerra!": l'ordine del giorno approvato dalle Assemblee Generali FLC CGIL del Piemonte

"NO alla guerra!": l'ordine del giorno approvato dalle Assemblee Generali FLC CGIL del Piemonte

Le Assemblee Generali della FLC CGIL del Piemonte e delle province di Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Novara VCO, Torino e Vercelli Valsesia ribadiscono con forza il NO alla guerra.

17/03/2022
Decrease text size Increase  text size

A cura della FLC CGIL Piemonte

Il popolo ucraino sta subendo una violenza efferata e inaccettabile e con il popolo ucraino pagano e pagheranno il prezzo di questa guerra i giovani soldati dei due fronti, le popolazioni e le lavoratrici e i lavoratori di tutti i paesi coinvolti.  

Le Assemblee Generali della FLC CGIL del Piemonte e delle province di Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Novara VCO, Torino, Vercelli Valsesia, a conclusione della riunione in plenaria con il Segretario generale FLC CGIL Francesco Sinopoli del 16 marzo 2022, nell’associarsi all’Ordine del giorno dell’AGN FLC CGIL dell'11 marzo 2022, hanno ribadito ed espresso con forza il NO alla guerra, il giudizio di pericolosità e inadeguatezza riguardo alla soluzione di inviare forniture di armi all’Ucraina, il loro contestuale impegno e adesione a ogni azione di pace

Il ripudio della logica della guerra e delle armi unito all’appello all’internazionalismo pacifista costituiscono il patrimonio storico del movimento operaio e sindacale, di intere generazioni che hanno conosciuto la paura, la violenza, la povertà, il destino di morte in nome del privilegio di pochi e dell’altrui profitto.

In conclusione è stato condiviso l’impegno di:

  • favorire, nella “nebbia mediatica” di questa guerra, a partire dall’esercizio delle loro professioni, ogni iniziativa a sostegno del pensiero critico, della capacità di ragionamento e autonomo giudizio
  • garantire in ogni sede il proprio apporto concreto e fattivo perché si realizzino l’inclusione e l’integrazione dei profughi, ucraini e di ogni paese, di questa e di tutte le guerre, e dei bambini e delle bambine, delle ragazze e dei ragazzi che arriveranno nelle nostre scuole e università.

L’ordine del giorno è stato approvato con un voto contrario.

Tag: pace

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Al via la
campagna referendaria.

APPROFONDISCI