FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

https://www.flcgil.it/@3957716
Home » Notizie dalle Regioni » Emilia Romagna » Avvio anno scolastico: in Emilia Romagna dopo l’incontro con la Regione alcune risposte positive

Avvio anno scolastico: in Emilia Romagna dopo l’incontro con la Regione alcune risposte positive

Il Presidente della Regione, su sollecitazione dei sindacati, scrive alla Ministra.

24/08/2020
Decrease text size Increase  text size

A cura della FLC CGIL, CISL Scuola FSUR, UIL Scuola RUA, SNALS Confsal e GILDA FGU Unams Emilia Romagna

Bologna, 21 agosto 2020

Comunicato stampa

Scuola. Dopo l’incontro con Regione alcune risposte positive. Tavolo permanente sui temi caldi della ripartenza: aspetti sanitari, trasporti, ruolo enti locali, edilizia scolastica, organici. Il Presidente su nostra sollecitazione, scrive alla Ministra.

Le scriventi OO.SS. regionali della scuola hanno incontrato oggi 21 agosto il Presidente della Regione Stefano Bonaccini e l’Assessore all’Istruzione Paola Salomoni, dopo che nei giorni scorsi avevano sollevato importanti criticità sulla ripartenza in presenza ed in sicurezza della scuola a partire dal prossimo 1° settembre.

Dopo una approfondita analisi delle difficoltà a cui da tempo è sottoposta la nostra scuola e della scarsità delle risorse assegnate, non commisurate all’aumento della popolazione scolastica che in Emilia Romagna da molti anni aumenta, le OOSS si sono soffermate sulle questioni che ritengono prioritarie per una riapertura in sicurezza e in presenza della scuola, ormai prossima:

  1. Organici: a fronte di un numero crescente di alunni e nonostante l’Emilia Romagna risulti fra le regioni più colpite dall’emergenza Covid, la distribuzione dei fondi finalizzati all’organico aggiuntivo risulta insufficiente per far fronte a tale emergenza, anche in ragione dell’aumento esponenziale della curva epidemiologica di questi ultimi giorni. Tenuto conto che il decreto “Agosto” del 14 agosto stanzia 1 miliardo di euro a favore del sistema d’istruzione, al fine di mettere in sicurezza le strutture scolastiche e per la ripresa delle attività didattiche, abbiamo sottolineato la necessità non eludibile di richiedere ulteriori risorse per permettere alla scuola dell’Emilia Romagna di garantire l’avvio della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo e secondo grado, garantendo il tempo scuola, non comprimendo l’attività ordinaria e  confermando il modello di qualità dell’istruzione emiliano-romagnola e garantendo la sicurezza con un adeguato numero di personale ausiliario tecnico e amministrativo. Su questo punto il Presidente ha garantito l’invio immediato di una richiesta all’amministrazione Scolastica regionale e al Ministro.
  2. Trasporti: poiché sono pervenute alle scriventi segnalazioni di forti criticità in tutti i territori della regione che in diversi casi si traducono nell’impossibilità di aumentare il numero delle corse per mancanza di mezzi e autisti, abbiamo sollecitato la definizione di un tavolo con il coinvolgimento anche delle categorie dei trasporti interessate. Servono significative risorse per incrementare il trasporto pubblico che in questa fase è uno snodo per garantire la sicurezza dei nostri ragazzi dal momento in cui escono di casa per raggiungere la scuola. Ci sono ancora troppe incertezze su questo aspetto e su come garantire gli scaglionamenti degli ingressi. Questo ha un grosso impatto sulla organizzazione della didattica. Siamo in forte ritardo e le risorse del fondo nazionale non sono ancora state distribuite mentre la scuola sta per ripartire. Il Presidente ha accolto la nostra richiesta.
  3. Edilizia scolastica: abbiamo chiesto un monitoraggio puntuale sulle criticità ma anche una mappatura dello stato dell’edilizia scolastica nelle scuole della regione oltre che delle risorse finora pervenute e giacenti nelle casse degli enti locali. Tutte le risorse dovranno essere spese e vanno riattivati i cantieri dell’edilizia pubblica. Abbiamo chiesto una più stretta  collaborazione tra scuola ed enti locali e interventi puntuali di questi ultimi per rispondere alle esigenze di reperimento degli spazi per garantire la didattica in presenza.
  4. Testo sierologici: la regione auspica un’adesione importante dei lavoratori della scuola e sta lavorando per mettere a punto un piano che coinvolga i medici di base e l’ASL  del territorio.

Aspettavamo con apprensione questo incontro e l’attenzione posta dalla regione ai problemi sollevati dalle OOSS indica che i temi sollevati centrano l’obiettivo.

Il grido di allarme è stato colto e lavoriamo ora tutti insieme non solo per riaprire le scuole ma per continuare a tenerle aperte. Bene quindi la costituzione di un tavolo permanente che sarà convocato già la prossima settimana.  Lavoriamo insieme per garantire il diritto allo studio ai nostri studenti.

FLC CGIL Emilia Romagna - Monica Ottaviani
CISL Scuola FSUR Emilia Romagna - Monica Barbolini
UIL Scuola RUA Emilia Romagna - Serafino Veltri
SNALS Confsal Emilia Romagna - Gianfranco Samorì
GILDA FGU Unams Emilia Romagna - Rosarita Cherubino

FERMIAMO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA!

Nei prossimi giorni potrai firmare
per il referendum abrogativo.

APPROFONDISCI