FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3895968
Home » Scuola » Concorso scuola: pubblicato il bando. Un provvedimento inutile e costoso

Concorso scuola: pubblicato il bando. Un provvedimento inutile e costoso

Il Ministro ha perseverato nella sua scelta lesiva degli attuali bisogni della scuola pubblica e del precariato, malgrado le indicazioni del CNPI.

25/09/2012
Decrease text size Increase text size
Vai agli allegati

È stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il bando di concorso a cattedre. Il bando è comprensivo del DM 80/12 (Prove di esame) e del DM 81/12 (Tabella valutazione titoli).

La FLC CGIL, confortata dal parere del CNPI (vedi correlati), conferma il suo giudizio negativo su una operazione che non tiene in alcun conto l'attuale stato della scuola italiana, alle prese col peggiore inizio dell'anno scolastico di questi anni.

Il numero così limitato dei posti previsti denuncia anche i guasti della Riforma Fornero sulle pensioni. Nei prossimi anni ci sarà infatti una forte riduzione del turn over con conseguente invecchiamento del corpo docente.

Altro che giovani!

La FLC continuerà nella sua battaglia in favore di un piano di investimenti nella scuola che coniughi il dato occupazionale con la qualità della scuola pubblica, anche attraverso eventuali azioni giudiziarie.

Il 12 ottobre, in occasione dello sciopero della scuola la FLC CGIL sarà in piazza per esprimere la sua ferma opposizione alle demagogiche politiche scolastiche del ministro Profumo, per rivendicare quell'inversione di tendenza richiesta da tempo e che aprirebbe a un sano progetto di reclutamento.

Servizi e comunicazioni

Firma per i referendum scuola
Scuorum: referendum scuola
Ora e sempre esperienza!
Mobilità scuola 2016/2017
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2016/2017
Cantiere scuola FLC CGIL: le nostre proposte
Linee guida contrattazione
Le funzioni nel consiglio di classe
Quando si chiamano i supplenti
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook