FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3952471
Home » Scuola » Insegnamento educazione civica: auspicabile lo slittamento al 2020

Insegnamento educazione civica: auspicabile lo slittamento al 2020

Occorre evitare un'ulteriore burocratizzazione dei processi di insegnamento e inutili sovrapposizioni rispetto all’esistente

22/08/2019
Decrease text size Increase  text size

L’insegnamento obbligatorio dell’educazione civica slitterà presumibilmente al 1° settembre 2020. 

La legge, infatti, pubblicata in gazzetta ufficiale mercoledì 21 agosto, entrerà in vigore il prossimo 5 settembre, fuori tempo massimo per l’attuazione nell’anno scolastico ormai alle porte.

Questo alla luce dell’articolo 2 che prevede l’istituzione del “nuovo” insegnamento a decorrere dal 1° settembre dell’ anno scolastico successivo all’entrata in vigore del provvedimento.

È un tema, quello dell’educazione civica, che non rappresenta una novità per le scuole, dove già viene affrontato nella pratica didattica, spesso sotto forma di "progetti" o declinato in apprendimenti ed esperienze coerenti con i contenuti delle diverse discipline.

La legge intende dare maggiore organicità e sistematicità a tale aspetto della formazione della persona e del cittadino, mediante l’individuazione di un docente coordinatore e l’attribuzione di una valutazione specifica che si concretizza nel voto numerico, pur mantenendo le caratteristiche della trasversalità e dell'interdisciplinarità.

Vediamo, nel provvedimento, il rischio di un ulteriore appesantimento burocratico dei processi di insegnamento, di aumento dei carichi di lavoro per i docenti e di compressione dei curricoli, arricchiti di nuovi contenuti a fronte di un tempo scuola già ridotto ai minimi termini dalle pseudoriforme che, nel corso degli anni, hanno tagliato ore e risorse.

Cogliamo, contestualmente, l’opportunità di dare maggiore centralità, nella formazione delle nuove generazioni, ai valori della cittadinanza democratica e della partecipazione critica e consapevole al bene comune.

A prescindere dalle nostre valutazioni in merito all’opportunità di un intervento di legge specifico sulla materia, pensiamo che lo slittamento di un anno possa consentire al legislatore di migliorare e arricchire il provvedimento e alle scuole di prepararsi, dal punto di vista progettuale-organizzativo, per rendere l’insegnamento dell’educazione civica parte integrante del Ptof e farne un elemento fondante e caratterizzante della propria azione formativa, coerentemente con le specificità, i bisogni, le potenzialità del contesto in cui operano.

Riteniamo che qualunque accelerazione rischierebbe di far calare dall’alto il provvedimento, impedendo di valorizzare alcuni aspetti positivi che intravediamo nel testo di legge e creando inutili e dannose sovrapposizioni rispetto all’esistente.

Servizi e comunicazioni

Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook