FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3952315
Home » Scuola » L’insegnamento dell’educazione civica a scuola è legge

L’insegnamento dell’educazione civica a scuola è legge

In attesa della pubblicazione del testo di legge, esprimiamo le nostre preoccupazioni.

02/08/2019
Decrease text size Increase  text size

Verticalità e trasversalità sono i tratti caratterizzanti dell’insegnamento dell’educazione civica che, ai sensi della legge approvata in Senato, sarà obbligatorio a partire dal prossimo 1° settembre nelle scuole di ogni ordine e grado, almeno a partire dalla scuola primaria. 

Alla “nuova materia” saranno dedicate

  • un minimo di 33 ore annue da ritagliare all’interno del monte ore previsto per ciascun corso di studi
  • un docente coordinatore senza oneri aggiuntivi per la finanza pubblica
  • uno specifico voto in pagella.

In attesa di un riscontro oggettivo e di una valutazione più puntuale che potrà essere fatta solo dopo la pubblicazione del testo di legge, ribadiamo le considerazioni già espresse durante l’l’iter legislativo.

La scuola è per eccellenza il soggetto deputato alla formazione di una cittadinanza consapevole e democratica, luogo di crescita delle nuove generazioni e di promozione dei valori costituzionali. In questo senso la FLC CGIL condivide e sostiene la necessità di dare centralità e organicità all’insegnamento dell’educazione civica.
Occorre per questo

  • creare una prospettiva di educazione e formazione continua della persona, a partire dalla prima infanzia e per tutto l’arco della vita
  • investire nella formazione di tutto il personale
  • creare le condizioni per l’ampliamento del tempo scuola
  • prevedere un organico dedicato
  • ripensare i curricoli con lo sguardo rivolto a una eventuale riforma dei cicli e degli ordinamenti.

Al contrario assistiamo ancora una volta, in base a quanto conosciamo della nuova legge, a un approccio riduzionistico che vorrebbe intervenire sull’esistente a costo zero, come se aggiungere un insegnamento al curriculo formativo di una persona fosse solo un problema di sommatoria e non piuttosto di strutturazione organica della formazione.

Se il testo di legge confermerà le nostre preoccupazioni, continueremo a rivendicare investimenti e visione di prospettiva, opponendoci a un provvedimento che intende affidare alla scuola sempre maggiori oneri e responsabilità a fronte di un marginale impegno economico e politico di un governo che non ne riconosce la funzione strategica per il futuro del Paese.

Servizi e comunicazioni

Articolo 33, la nostra rivista mensile
Articolo 33, la nostra rivista mensile
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook