FLC CGIL
Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti

http://www.flcgil.it/@3955338
Home » Attualità » Europa e Mondo » ETUCE approva una risoluzione sulle questioni da affrontare durante la pandemia

ETUCE approva una risoluzione sulle questioni da affrontare durante la pandemia

Le richieste della FLC CGIL affrontano le stesse questioni a partire dalla necessità della contrattazione collettiva.

08/04/2020
Decrease text size Increase  text size

ETUCE è la federazione che rappresenta 51 sindacati della conoscenza di tutti i paesi europei, in rappresentanza di più di 11 milioni di lavoratori delle istituzioni dell’istruzione, dalle scuole alle università, dai centri di ricerca alle scuole private. Il direttivo europeo della federazione ha prodotto in questi giorni una risoluzione sulla crisi dovuta al COVID 19 e al suo impatto sui sistemi scolastici nazionali e europei.

Il documento prodotto da ETUCE è molto articolato e, soprattutto, esplicita minuziosamente le questioni chiave, individuando con chiarezza i punti fondamentali e le problematiche intorno ai quali verte l’intero sistema organizzato della conoscenza durante -e dopo- il periodo della pandemia. Fondamentale, innanzitutto, è la dichiarazione che “il dialogo sociale e la contrattazione collettiva devono rimanere centrali nell’adattamento del settore dell’istruzione a tali circostanze”, e che quindi i sindacati della conoscenza non devono e non possono limitarsi né ad applicare correttamente le indicazioni del governo e delle amministrazioni locali, né a essere solo uno strumento di trasmissione delle informazioni essenziali ai propri membri, come ipotizzato da altre organizzazioni internazionali.

Poi, la risoluzione reclama il rispetto dei diritti di tutto il personale, a tempo indeterminato o meno, da quelli chiave del lavoro stesso (cioè, nessuno deve perdere il lavoro a causa degli effetti della pandemia) e della retribuzione, fino a quelli della privacy e della disconnessione, che oggi sono quanto mai di attualità. E un’attenzione particolare è assegnata proprio alle condizioni di lavoro di chi lavora da casa: vanno valutati i reali carichi di lavoro, l’equilibrio tra vita professionale e privata, il diritto a potere restare disconnessi. Esplicitamente, per l’organizzazione e la regolamentazione delle condizioni di lavoro di chi deve spostarsi fisicamente e di lavori in smart working, deve essere obbligatorio il confronto con i rappresentanti sindacali della categoria.

Rispetto alla didattica a distanza, uno degli argomenti più controversi dell’intero dibattito attuale, si indica chiaramente che in ultima istanza l’organizzazione delle classi e la scelta delle risorse sono e devono restare una decisione autonoma dell’insegnante, e che inoltre questi debbano assolutamente ricevere una formazione adeguata per questa tipologia di insegnamento. Sottolineando i rischi insiti all’uso di strumenti on line (come per esempio un raccolta impropria di dati), si evidenzia la necessità imprescindibile dell’interazione studente-insegnante per un corretto risultato educativo.

Proprio a questo punto, si pone la questione del divario digitale e dell’accesso ineguale all’insegnamento e al materiale di apprendimento, che rischia di lasciare indietro un numero enorme di ragazze e ragazzi, ledendo i diritti all’inclusione, al rispetto, alla dignità, e, in ultima istanza, alla democrazia. L’isolamento infatti sta accrescendo molto spesso quelle diseguaglianze già esistenti, a sfavore di aree rurali, migranti, donne, precari e emarginati. Probabilmente vanno rivisti con attenzione (quantomeno specificando le diversità territoriali) la raccolta selezionata di dati da PISA, da quali emergerebbe una larghissima diffusione in Italia delle risorse telematiche e delle possibilità di connessione, che contraddicono le rilevazioni ISTAT che affermano che al Sud Italia più del 40% delle famiglie non possiede neanche un computer.

Nonostante il valore assoluto delle manifestazioni individuali di solidarietà, ineludibile è un’azione governativa volta a proteggere tutti coloro che sono soggetti a questi rischi, facendo attenzione particolare alle conseguenze nefaste che le misure adottate potrebbero avere sull’uguaglianza di genere, con il serio rischio di acuire ulteriormente le disparità già esistenti.

Sul piano politico e economico europeo, il documento di ETUCE apprezza la sospensione di del Patto di stabilità, ma solo se i governi, con lo scopo di utilizzare le proprie risorse economiche per la sicurezza e la salute dei cittadini, indirizzano gli investimenti pubblici sui diritti e sui bisogni reali, non seguendo più, quindi, i dogmi neoliberisti dell’ultimo decennio. Da anni, infatti, ETUCE è in prima linea sulla condanna e la lotta contro i meccanismi di ‘mercato’ liberi e sfrenati, in difesa della conoscenza come bene pubblico e del valore democratico dell’istruzione.

Questo, secondo la risoluzione di Etuce ma anche secondo l’opinione della FLC CGIL, è il momento giusto per riuscire a costringere il mercato a fare un passo dietro e riconquistare un ruolo centrale per le scuole, università, centri di ricerca e per tutte le istituzioni del sapere, perché i modelli che si sceglieranno ora saranno determinanti per il futuro del sapere, per il suo impatto sulle comunità, e per il benessere che solo la conoscenza - pubblica, gratuita, di qualità e per tutti - può dare a donne e uomini.

Dichiarazione ETUCE sulla lotta alla crisi COVID-19

30 marzo 2020

Lo scoppio del virus COVID-19 sta causando una crisi sanitaria, sociale ed economica senza precedenti e ha un impatto notevole sul settore dell'istruzione, sul personale dell’istruzione e sugli studenti. L'impatto a breve, medio e lungo termine dell'attuale crisi della salute pubblica sulla vita delle persone, sulla società e sull'economia è enorme e richiede un serio cambiamento di paradigma. In tutta Europa scuole, università e altri istituti di istruzione stanno spostando i loro corsi e insegnando online e / o verso altri mezzi di insegnamento a distanza.

Mentre la diffusione del coronavirus (COVID-19) cresce in tutto il mondo, le scuole e altri istituti di istruzione stanno tornando al centro delle attenzioni delle autorità e della società. In molti paesi sono state messe in atto misure di quarantena, isolamento e auto-distanziamento tra individui, famiglie e comunità, come l'unica risposta collettiva al virus e il personale dell’istruzione e i loro sindacati stanno dimostrando la loro volontà di mobilitarsi e lavorare insieme per il bene comune. Mentre gran parte dei sistemi dell’istruzione in ​​tutta Europa sta chiudendo scuole, università e altri istituti, il personale dell’istruzione rimane il pilastro delle singole comunità. In tutta Europa, ai genitori e alle famiglie viene inesorabilmente ricordato che l'istruzione è un settore chiave nella nostra società, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti sociali dell'insegnamento e dell'apprendimento. Provvedere all’istruzione è fondamentale per mantenere un senso di normalità per studenti, genitori e comunità. Questo è il motivo per cui è essenziale che il personale dell’istruzione sia adeguatamente supportato per poter continuare il proprio lavoro nelle migliori condizioni possibili e per svolgere il proprio ruolo chiave per affrontare questa crisi e per modellare la ricostruzione di società più eque, eque e sostenibili. ETUCE esprime solidarietà alle organizzazioni aderenti, la comunità dell’istruzione, i servizi pubblici e il personale dell’istruzione in tutta Europa ed esorta i governi, le autorità dellistruzione, i datori di lavoro nell'istruzione e i responsabili delle decisioni nell'istruzione ad affrontare le seguenti questioni:

Il personale dellistruzione è fondamentale per affrontare questa crisi. Il dialogo sociale e la protezione dei loro diritti sono più che mai imperativi.

1. Mentre la responsabilità della protezione del personale dell’istruzione spetta ai governi e ai datori di lavoro dell'istruzione, in tutte le questioni relative all'esercizio delle funzioni del personale dell’istruzione, il dialogo sociale e la contrattazione collettiva devono rimanere centrali nell'adattamento del settore dell'istruzione a tali circostanze. Nei periodi in cui la pressione è particolarmente elevata, devono essere rispettati i diritti di tutto il personale dell’istruzione - indipendentemente dal loro stato di occupazione e compresi quindi quelli con contratti di lavoro precari -, come il diritto al lavoro e alle retribuzioni continuato, il diritto al congedo per malattia retribuito così come quello alla privacy e alla disconnessione. Inoltre, i sindacati devono essere consultati in modo significativo e coinvolti in ogni momento da autorità e datori di lavoro. In particolare, è necessario prendere accordi per tenere conto dei periodi perduti di scolarizzazione, studi o ricerche e trovare soluzioni che consentano agli studenti, nonché al personale dell'istruzione e della ricerca a tempo determinato o con contratti diversi di lavoro o studio, di estendere gli accordi formali per la stessa durata del periodo perso. In nessun modo il personale educativo di tutti i livelli di istruzione, dalla prima infanzia all'istruzione primaria, secondaria, università e ricerca, formazione professionale e apprendimento degli adulti, dovranno subire un danno sia economico sia professionale per le interruzioni causate dall'emergenza COVID-19.

2. In particolare, il personale educativo con contratti a breve termine o a tempo determinato non deve essere soggetto a ulteriore precarietà a causa della crisi in atto. Nei casi in cui gli istituti di istruzione sono chiusi e se queste persone non sono in grado di lavorare da casa, i loro contratti non dovrebbero essere risolti in anticipo, né dovrebbero perdere parte o l'intero salario.

3. Il settore dell'istruzione, in periodi di isolamento sociale generalizzato e spesso obbligatorio, si mobilita per continuare a fornire un servizio pubblico vitale. Il benessere fisico e mentale e la salute dei suoi lavoratori non possono essere sottovalutati. In un momento in cui molti istituti di istruzione sono tenuti a chiudere, e gli insegnanti e il personale dell’istruzione sono invitati a lavorare dalle loro case, l'impatto di queste eccezionali misure di allontanamento sociale - quando applicate a un settore intrinsecamente fiorente sulle interazioni sociali - sulla salute e sul benessere del personale dell’istruzione deve essere trattato in modo tale che questi possano svolgere il loro ruolo chiave nelle loro comunità.

4. Le condizioni di lavoro del personale dell’istruzione che lavora da casa richiedono un'attenzione particolare. In effetti, lavorare in remoto richiede una sostanziale riorganizzazione del piano delle lezioni e del lavoro del corso e comporta sforzi particolari da parte dell'insegnante per garantire che gli studenti siano in grado di seguire e ricevere un'istruzione di qualità da remoto. Le domande riguardanti il ​​carico di lavoro, l'equilibrio tra vita professionale e vita privata e il benessere psicosociale devono essere fondamentali per l'organizzazione del lavoro da casa in queste circostanze straordinarie. Particolare attenzione deve essere rivolta al diritto del personale dellistruzione di disconnettersi al di fuori del normale orario di lavoro, come mezzo cruciale per mantenere l'equilibrio tra vita professionale e vita privata.

5. Nei casi in cui viene richiesto al personale educativo di recarsi nei locali di istruzione, le misure di salute e sicurezza messe in atto sul posto di lavoro devono essere conformi alle raccomandazioni delle autorità sanitarie e di sicurezza e degli esperti, in consultazione con i rappresentanti dei lavoratori, e devono essere chiaramente comunicate, mentre l'attuazione di queste misure deve essere organizzata dalla direzione degli istituti di istruzione.

I lavoratori dell'istruzione si stanno adattando per continuare a fornire istruzione di qualità in remoto a milioni di studenti. Il loro servizio è vitale per il bene comune e devono ricevere il supporto di cui hanno bisogno per svolgere il loro lavoro.

6. Con la maggior parte dei paesi in Europa che si trova di fronte a chiusure di istituti di istruzione a livello nazionale, regionale o locale, e mentre insegnanti e altro personale dell’istruzione sono invitati a lavorare da casa, sorgono molte domande sull'impatto di istruzione a distanza continuata sulla qualità dell'istruzione fornita in tali circostanze. Sebbene le misure sull'insegnamento a distanza possano differire da scuola a scuola, riteniamo che, in queste circostanze eccezionali, l'organizzazione delle classi e la scelta delle risorse rimangano una decisione autonoma dell'insegnante ed è fondamentale che gli insegnanti ricevano la formazione adeguata per organizzare le adeguate attività di insegnamento a distanza in modo strutturato, non da ultimo per evitare una dissonanza di diverse piattaforme online.

7. Inoltre, questa crisi ha messo in luce i limiti e i rischi dell'insegnamento e dell'apprendimento a distanza e ha ribadito la necessità cruciale e i benefici intrinseci dell'interazione studente-insegnante per i risultati educativi degli studenti. Tra i limiti e i rischi che comporta un prolungato insegnamento a distanza, ETUCE mette in guardia dai rischi connessi all'uso di strumenti e dispositivi online, come la raccolta e l'eventuale uso improprio dei dati del personale educativo e degli studenti da parte di società private, ad esempio nel settore delle tecnologie dell'istruzione, o di autorità pubbliche.

8. Questa crisi dimostra che le istituzioni dell’istruzione semplicemente non sono state preparate per l'insegnamento remoto. È necessario affrontare le questioni urgenti relative al divario digitale e all'accesso ineguale all'insegnamento a distanza e al materiale di apprendimento, al fine di garantire che tutto il personale dell’istruzione e gli studenti siano in grado di lavorare insieme e che nessuno sia lasciato indietro a causa della mancanza di accesso a dispositivi adeguati o alle attrezzature online necessarie.

Le nostre società stanno affrontando la crisi di una generazione. Oggi più che mai la solidarietà, i diritti umani, la dignità, il rispetto, l'inclusione e la democrazia devono essere sostenuti come i nostri principi fondativi.

9. Nell'affrontare l'impatto del virus sulla società e sull'economia, i governi e le autorità devono garantire che tutti, compresi i gruppi più colpiti e svantaggiati, siano protetti e adeguatamente supportati. ETUCE invita i governi e le autorità dell'istruzione a garantire l'inclusione di tutti gli studenti e del personale dell’istruzione per prevenire l'effetto di amplificazione della crisi pandemica sulle disuguaglianze esistenti, che può rendere ancora più profonde le differenze tra i diversi contesti socioeconomici, tra città e aree rurali, tra migranti e chi non ha un’origine migratoria, tra donne e uomini, tra diverse fasce di età, ecc. In particolare, i soggetti precari e emarginati rischiano di essere i più esposte, anche per l'impossibilità di accedere ai servizi di assistenza adeguati. Mentre esempi di dimostrazioni individuali di solidarietà sono stati a dir poco eccezionali, la protezione dei soggetti a rischio richiede la piena attenzione dei governi per coordinare e generare una risposta collettiva.

10. L'impatto del coronavirus e delle misure del governo per impedirne la diffusione è particolarmente duro per le donne e per l'uguaglianza di genere. Le donne, che già in percentuale più elevata tendono a lavorare in condizioni di lavoro più precarie e temporanee, sono ancora più colpite dal lavoro a breve termine e dai piani di disoccupazione temporanea. La chiusura dei servizi scolastici e di assistenza all'infanzia significa che le donne si prenderanno cura in misura ancora maggiore dei bambini, degli anziani e della famiglia. Queste e altre conseguenze della crisi economica a seguito della pandemia rischiano di esacerbare ulteriormente le disparità retributive e pensionistiche di genere, la segregazione orizzontale e verticale di genere nel mercato del lavoro e l'aumento della violenza e delle molestie basate sul genere.

Le società europee non erano preparate ad affrontare questa crisi a causa di un decennio di politiche predominanti di austerità, di mercato e orientate al profitto. Ora è il momento di fare buon uso delle lezioni apprese dal passato, una volta per tutte, e di chiedere un riorientamento strutturale: cambiamenti strutturali per un'economia che sia in funzione delle persone.

11. Sebbene il coronavirus sia innanzitutto un'emergenza per la salute pubblica, è anche un problema economico e sociale. Di fronte a livelli senza precedenti di cali del prodotto interno lordo (PIL) previsti, sia nell'area dell'euro che a livello globale, i governi di tutta l'UE stanno intervenendo in maniera massiccia nell'economia per garantire che questo shock non si traduca nella più grande contrazione economica dei tempi moderni per poi sfociare in una depressione profonda e duratura. Con una mossa storica, l'UE ha sospeso il Patto di crescita e stabilità e le norme sugli aiuti di Stato, per garantire che i governi nazionali possano spendere per mantenere la propria popolazione al sicuro e proteggere prima il benessere delle comunità. In altre parole, in caso di emergenza, tutti i governi hanno spianato la strada agli investimenti pubblici basati sui diritti e sui bisogni, piuttosto che sui profitti o sul dogma neoliberista per l'equilibrio di bilancio e l'austerità.

12. La pandemia sta rendendo visibile il danno che il modello neoliberista ha prodotto nell'ultimo decennio con il ridimensionamento dello spazio pubblico, basato sulla convinzione dogmatica che il mercato è il decisore più efficiente ed efficace e che sia in grado di fornire ciò che è necessario. Per molti anni, ETUCE ha messo in guardia dagli effetti disastrosi dei tagli di bilancio sull'istruzione a causa dell'austerità imposta. Parallelamente, ETUCE ha chiesto ai governi e alle autorità educative che l'istruzione - un diritto fondamentale e un bene pubblico - debba essere esente da meccanismi e approcci di mercato liberi e sfrenati. Un decennio di crisi economica, misure di austerità e investimenti di sistema insufficienti nell'istruzione, la crescente esposizione dell'istruzione alla privatizzazione e alle pressioni di commercializzazione, hanno causato problemi incalcolabili. Hanno eroso le forme tradizionali di solidarietà sociale e ridistribuzione finanziaria e hanno enfatizzato il ruolo dell'individuo e delle ambizioni personali al di sopra delle aspirazioni sociali e delle azioni collettive, portando all'esclusione, alla segregazione e alla crescente disuguaglianza. Gli insegnanti e i loro sindacati in tutta Europa sono pronti a combattere qualsiasi tentativo attuale o futuro di utilizzare la più grande minaccia dei tempi moderni per la salute umana, la società e l'economia politica globale, come scusa per danneggiare ulteriormente il valore e la mission dell'istruzione e per giustificare ulteriori tagli all'istruzione attraverso una nuova ondata di austerità imposta.

13. L'emergenza economica, sociale e sanitaria di oggi ha il potenziale per costringere il mercato e la sua ideologia a fare un passo indietro e a far rivivere l'importanza dei nostri spazi e servizi pubblici, comprese scuole, università e le altre istituzioni dell’istruzione. Ora è il momento di valorizzare e promuovere tutti i dipendenti che lavorano nel settore dell'istruzione e di proteggere la comunità democratica e il governo delle nostre istituzioni. I modelli che scegliamo oggi determineranno il mondo in cui vivremo domani. Per ETUCE, questi devono essere basati sull'accesso a un'istruzione di qualità universale per tutti, come leva principale per la crescita sostenibile e per la giustizia sociale, il benessere e la prosperità. Ora è il momento di riaffermare il valore della ricerca e della creazione della conoscenza come beni collettivi e il processo aperto di condivisione e scambio della conoscenza. In un momento in cui la domanda di ricerca pubblica sulla causa di questa crisi e sulle soluzioni è elevata, ETUCE ricorda ai decisori la centralità della ricerca finanziata con fondi pubblici basata sulla libertà accademica. ETUCE invita i governi e le autorità dell’istruzione a garantire che la tecnologia nell'istruzione si sviluppi in modo da migliorare, piuttosto che minare, il bene pubblico. Ora è il momento di assicurarsi che sia il bisogno pubblico, e non l'avidità privata, a modellare lo sviluppo della tecnologia come supporto per la pedagogia, la libertà accademica e la ricerca.

14. I sindacati dell'istruzione sono pronti a fare la loro parte nel formare, sostenere e ricostruire società uguali e sostenibili in cui l'istruzione come bene pubblico, con il potenziale di dare un reale contributo a società sane e coerenti, sia una parte essenziale della democrazia. Il mercato non può raggiungere questi obiettivi. ETUCE crede e ricorda che solo i sistemi di istruzione basati sui valori di servizio pubblico e sulla governance democratica possono far fronte alle sfide che le nostre società affrontano ora. Il personale dell’istruzione e i loro sindacati stanno già svolgendo un ruolo chiave nell'affrontare l'attuale emergenza sanitaria, ma siamo il cuore dell'impegno per costruire un mondo migliore oltre la crisi.