FLC CGIL
Iscriviti alla FLC CGIL

https://www.flcgil.it/@3964632
Home » Ricerca » CREA: la direzione generale pubblica in modo unilaterale il bando per le progressioni di livello dei ricercatori e tecnologi dell’Ente azzerando le relazioni sindacali

CREA: la direzione generale pubblica in modo unilaterale il bando per le progressioni di livello dei ricercatori e tecnologi dell’Ente azzerando le relazioni sindacali

Unanime la condanna del metodo e generale la disapprovazione sui contenuti.

23/03/2022
Decrease text size Increase  text size

Solo in seguito alla pubblicazione sul sito istituzionale (mercoledì 16 marzo 2022), FLC CGIL ha appreso del bando di selezione per le progressioni di livello riservate ai ricercatori e tecnologi dell’Ente (art. 15 CCNL 7 aprile 2006).

Sino a tale data, FLC CGIL non aveva ricevuto dall’Amministrazione alcuna comunicazione del bando e dei suoi contenuti né si è tenuto alcun incontro o riunione, formale o informale, circa il bando, le sue bozze, la sua preparazione. Inoltre, la direzione generale non ha reso disponibile alcuna copia delle note eventualmente inviate da altre Organizzazioni sindacali e nemmeno delle bozze del bando risultanti dall’accoglimento o reiezione delle proposte.

E ancora: l’Amministrazione ha avviato, contestualmente alla procedura per le progressioni di livello, una nuova procedura di mobilità tra i profili di ricercatore e tecnologo (art. 65 CCNL 21 febbraio 2002) che inciderà sulla competizione e sulle opportunità di successo nei due diversi profili, modificando il rapporto tra la platea degli aventi diritto e i posti assegnati a ciascuna struttura organizzativa dell’Ente. Anche in questo caso, si tratta di una scelta unilaterale.

È un modo di intendere le relazioni sindacali divergente e incompatibile con l’obiettivo prescritto dal contratto collettivo nazionale (art. 4 CCNL 2016/2018) di «[…] costruire relazioni stabili tra amministrazioni pubbliche e soggetti sindacali, improntate alla partecipazione attiva e consapevole, alla correttezza e trasparenza dei comportamenti, al dialogo costruttivo, alla reciproca considerazione dei rispettivi diritti e obblighi, nonché alla prevenzione e risoluzione dei conflitti.»

Chiunque legga la norma del contratto collettivo può valutare personalmente se i principi del contratto collettivo nazionale corrispondano al comportamento assunto dall’Amministrazione.

Nel frattempo, è andata perduta una occasione preziosa per stabilire un clima organizzativo di fiducia e affidamento, a causa di un atto di dirigismo unilaterale davvero inspiegabile, le cui conseguenze negative non sarà facile né di breve periodo recuperare.

Altre notizie da: