FLC CGIL
Inchiesta nazionale sul lavoro promossa dalla CGIL

https://www.flcgil.it/@3965753
Home » Notizie dalle Regioni » Lazio » Roma » Università Roma Tor Vergata: raggiunto un accordo di massima riguardante il contratto integrativo e il fondo comune di ateneo 2022

Università Roma Tor Vergata: raggiunto un accordo di massima riguardante il contratto integrativo e il fondo comune di ateneo 2022

Alcune importanti novità su incremento IMA, nuovo bando PEO e altri benefici a favore del personale.

03/08/2022
Decrease text size Increase  text size

Comunicato unitario FLC CGIL, CISL Università, UIL Scuola RUA e RSU

Lunedì 1 agosto 2022 è stato raggiunto dalla parte pubblica e quella sindacale, un accordo di massima relativamente alla definizione del CCI e Fondo Comune di Ateneo 2022.

Rimane confermata l’impostazione dell’accordo dello scorso anno con alcune importanti e significative novità, i punti principali sono i seguenti:

  1. IMA: incremento di circa 45 €. mensili per ogni dipendente delle cat. B, C e D (con un incremento complessivo del fondo del salario accessorio di circa 450.000€.);
  2. BUONO PASTO: aumento del buono pasto da 7 a 8 €. (previa verifica fattibilità tassazione);
  3. CENTRI ESTIVI: Aumento dei rimborsi dei centri estivi (da € 80,00 a € 130,00 a settimana);

Inoltre, viene confermato l’impegno per la pubblicazione di un nuovo bando PEO, con decorrenza 1 gennaio 2022, con le stesse modalità previste dagli accordi 2020 e 2021.

In attesa della stesura definitiva del testo concordato nella riunione odierna, le parti si sono impegnate a sottoscrivere l’Ipotesi di CCI e Fondo Comune di Ateneo 2022 entro la settimana corrente, fermo restando che come da prassi l’accordo dovrà essere sottoposto all’approvazione del Collegio dei Revisori dei Conti.

Le scriventi OO.SS. e la RSU valutano positivamente l’impegno dell’Amministrazione per aver operato con spirito costruttivo nell’interesse della generalità dei lavoratori, dimostrando sensibilità alle richieste avanzate dalle scriventi OO.SS.

Ci auguriamo che con la sottoscrizione del nuovo CCNL “Istruzione e Ricerca”, subito dopo l’estate, si possano determinare condizioni migliori e nuove prospettive per il personale delle università che, è bene ricordare rispetto ai dipendenti del pubblico impiego, è quello che percepisce le retribuzioni più basse.