FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3886038
Home » Scuola » Scuola: lo scippo continuo

Scuola: lo scippo continuo

Il Miur insiste sull'accorpamento. Vogliono portare a casa 172 milioni a danno di alunni, lavoratori ed enti locali. Ma il barile non ha più fondo e sono a rischio i fondi per i gradoni

14/10/2011
Decrease text size Increase  text size

Vorrebbero portare a casa 172 milioni di euro a danno delle scuole. Questo il senso dell'operazione dimensionamento della rete scolastica che il Miur sta cercando di imporre senza alcuna logica di miglioramento qualitativo dell'offerta formativa sul territorio. Dimensionamento vuol dire chiudere sedi scolastiche, accorpandole ad altre, togliere le scuole dal territorio, creare, le scuole pollaio, dopo le classi pollaio. Sarebbero soppresse 1.130 scuole e altrettanti posti di lavoro di dirigente scolastico e dsga, oltre a 1.765 posti di collaboratore scolastico.

Questa operazione imposta con la manovra di luglio nasce già illegittima, visto che la competenza sulla rete scolastica è delle regioni (alla faccia del federalismo!). E infatti sono già partiti i ricorsi di molte regioni alla Corte costituzionale. E dall'illegittimità al pasticcio il passo è breve. Il Miur continua a emanare comunicazioni contraddittorie e illogiche nelle quali, pur riconoscendo che la materia è “competenza esclusiva”, invita i propri uffici periferici a sollecitare le regioni “affinchè venga data sollecita applicazione” alla norma prevista dalla manovra di luglio. E intanto le scuole sono sul piede di guerra perché non sanno quale sarà il loro destino, le famiglie non sanno dove andranno a scuola i figli e comuni non sanno dove prendere i soldi se i cittadini avranno bisogno di più scuolabus.

Questa operazione non ha, quindi, alcun fondamento didattico. Una razionalizzazione delle rete scolastica sarebbe persino auspicabile, ma non può essere fatta con un atto d'imperio che cade dall'alto, ma con un meditato ragionamento territorio per territorio con il coinvolgimento di tutti i soggetti interessati, compresi i sindacati. Il piano di dimensionamento deve rientrare all'interno di una logica di programmazione generale del territorio.  Ma non è questo che interessa, come appare evidente da quanto scrive in una nota di qualche giorno fa lo stesso Miur: “la norma (sul dimensionamento -ndr) risponde a finalità di contenimento della spesa e al raggiungimento dell’obiettivo della stabilizzazione della finanza pubblica”. Ma la coperta risparmi è diventata ben corta. Tranne che per le scuole private a cui si vorrebbero garantire 260 milioni di euro nella legge di stabilità.

Il Ministro Gelmini rilascia interviste contrite sui tagli all'istruzione, lanciando nuove mirabolanti promesse da marinaio. La realtà è che hanno talmente raschiato il fondo del barile che sarà difficile certificare alla fine del 2011 nuovi risparmi. Perché? Ad esempio perché speravano di tagliare sul sostegno all'handicap, ma la protesta generale e le sentenze dei tribunali non glielo hanno consentito. I mancati risparmi peseranno una volta di più sulle spalle dei lavoratori della scuola: perché senza risparmi non ci sono i soldi per pagare gli scatti di anzianità bloccati, né per stabilizzare i precari coprendo i posti vacanti.

Che altro si inventerà il Miur? Dobbiamo temere che scippino anche il Fondo di istituto?

Indignamoci!

Basta con i tagli si torni ad investire nella scuola pubblica.

Servizi e comunicazioni

Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook