FLC CGIL
Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti
http://www.flcgil.it/@3814703
Home » Scuola » Il decretino al Cnpi: la Cgil Scuola esprime parere contrario

Il decretino al Cnpi: la Cgil Scuola esprime parere contrario

Il Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione, nella seduta del 15 luglio 2003, ha esaminato ed ha espresso parere sul decreto ministeriale che avvia un “Progetto di innovazione relativo agli obiettivi di apprendimento per i primi due anni della scuola primaria”.

16/07/2003
Decrease text size Increase  text size

Il Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione, nella seduta del 15 luglio 2003, ha esaminato ed ha espresso parere sul decreto ministeriale che avvia un “Progetto di innovazione relativo agli obiettivi di apprendimento per i primi due anni della scuola primaria”.

La delegazione “Valore Scuola”, nella quale fanno parte gli iscritti sulle liste CGIL Scuola, ha espresso parere contrario all’art.1 (progetto nazionale di innovazione) del provvedimento, differenziandosi dalla maggioranza del Consiglio che ha espresso parere favorevole, sia pur condizionato all’accoglimento di modificazioni molto rilevanti.

L’art. 2 del decreto ministeriale (estensione dell’alfabetizzazione della lingua inglese e dell’informatica nelle classi prima e seconda elementare) ha, invece, avuto il parere favorevole unanime del CNPI, subordinato all’accoglimento di alcune osservazioni e proposte.

Il parere sfavorevole della delegazione “Valore Scuola” all’art.1 del provvedimento è stato espresso contro il tentativo, in esso contenuto, di avviare un’attuazione mascherata delle legge 53/03 dal prossimo anno scolastico, dopo che il precorso legittimo (decreto legislativo attuativo) è stato bloccato dalle molto diffuse prese di posizione contrarie (scuole, organizzazioni sindacali, associazioni professionali).

A ciò si aggiunge la totale mancanza di condizioni concrete (non ci sono i tempi e non ci sono le risorse) e l’illegittimità di un piano nazionale del tutto privo delle caratteristiche necessarie per una sperimentazione i cui risultati possano utilmente essere verificati.

Inoltre, si cerca di introdurre con un Decreto ministeriale le Indicazioni Nazionali, già elaborate da commissioni segrete e senza alcuna consultazione delle scuole, che, invece, avrebbero dovuto essere approvate attraverso un iter che prevede anche il parere del Parlamento.

Roma, 16 luglio 2003

Servizi e comunicazioni

Il CAAF CGIL ti è vicino
Il CAAF CGIL ti è vicino
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook