FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3923877
Home » Scuola » Controlli delle Ragionerie provinciali: la posizione del MIUR

Controlli delle Ragionerie provinciali: la posizione del MIUR

Il Ministero informa i sindacati circa la sua posizione sulle questioni controverse, ma per la FLC CGIL vanno registrati tutti i contratti ex art. 59 e il pagamento delle ore eccedenti in classi collaterali spetta fino al 31 agosto.

05/06/2015
Decrease text size Increase  text size
L’informativa del MIUR

A seguito della nostra lettera di sollecito, il 4 giugno 2015 alle ore 10.00 si è svolto l’incontro d’informativa sindacale al MIUR, volto a conoscere l’esito e le decisioni prese dall’Amministrazione dopo l’approfondimento col MEF sulle questioni connesse ai controlli da parte delle Ragionerie provinciali, a causa di un’errata e difforme applicazione delle normative contrattuali.

Nello specifico, il Ministero ha reso nota la sua posizione riguardo ai seguenti casi:

Contratto a tempo determinato per il personale ATA in servizio - art. 59 CCNL

- Secondo il MIUR, al fine di conciliare quanto previsto dall’art. 59 CCNL con le indicazioni fornite dalla nota n. 8921 dell’8/09/2014, i contratti fino all’avente titolo del personale ATA di ruolo, possono essere riconosciuti solo nel caso in cui gli aventi titolo, dopo l’aggiornamento delle graduatorie di 3^ fascia, siano stati confermati in servizio presso la medesima istituzione scolastica.

- Il completamento d’orario al personale ATA che si è avvalso dell’art. 59, che ha stipulato un contratto a tempo determinato inferiore alle 36 ore settimanali, può essere riconosciuto solo per supplenza di durata non inferiore alla fine dell’anno e non su supplenza breve, stante il 1 comma dell’art. 59.

Ore eccedenti in classi collaterali - art. 30 CCNL

L'amministrazione sostiene che le ore eccedenti prestate in classi collaterali (spezzoni fino a 6 ore), attribuite ai docenti a tempo indeterminato, debbano essere retribuite fino al 30 giugno, analogamente alla scadenza dei contratti a tempo determinato. Questo perché solo per la cattedre strutturate a più di 18 ore settimanali spetta il pagamento per tutto l'anno, ovvero fino al 31 agosto. Quindi, solo il personale titolare su cattedra superiore alle 18 ore avrebbe diritto al pagamento delle ore eccedenti per l'intero anno scolastico, per gli altri la liquidazione va computata sino al 30 giugno.

Aspettativa - art. 18 CCNL

Il MIUR ritiene che la regola contrattuale sull’aspettativa per motivi di famiglia, di lavoro, personali e di studio sia chiara e che, in linea generale, vada concessa annualmente solo nel caso in cui non ci sia contemporaneità di rapporti di lavoro. Vale a dire, non ci può essere un contratto privato in piedi al momento della stipula del contratto di supplenza con la scuola.

Il Ministero ci ha informati anche che intende inviare una richiesta formale al MEF, che ci ha sottoposto in bozza, nella quale chiede di diramare alle Ragionerie territoriali delle indicazioni, sulla base degli esiti degli approfondimenti svolti in merito alle situazioni controverse, al fine di evitare l’ingenerarsi di un contenzioso.

La posizione della FLC CGIL

Pur approvando l’iniziativa dell’Amministrazione nei riguardi del MEF, non ci troviamo affatto d’accordo nel merito delle posizioni suesposte.  E' indispensabile un intervento volto, a sollecitare una risoluzione generale di tutte le questioni controverse, nel rispetto del Contratto, coerente con le stesse note emanate a suo tempo e in considerazione degli atti già compiuti dalle scuole, nonché a tutela dei diritti degli interessati coinvolti.

In particolare:

Contratto a tempo determinato per il personale ATA in servizio

- Per la FLC CGIL è inaccettabile un trattamento giuridico ed economico difforme a seconda della sede di servizio in cui ci si trova. La questione di riconoscere il contratto e il relativo pagamento solo all’avente titolo, confermato nella stessa scuola, esclude dallo stesso diritto coloro che risultano aventi titolo in altra scuola e non possono per questo essere pagati. Per noi occorre procedere al riconoscimento di tutti i contratti stipulati secondo le indicazioni ministeriali, in uniformità con la normativa vigente.

- Nel caso di completamento d’orario, l’art. 59 deve essere letto nella sua interezza, anche in base al comma 2, poiché il lavoratore ATA di ruolo cambia status giuridico, che è quello di supplente, tant’è che vengono applicati gli stessi istituti contrattuali della malattia per i supplenti brevi. Il completamento è, dunque, connesso alla condizione di essere un supplente. Per la FLC CGIL il requisito per accedere all’art. 59 è garantito già dalla durata del primo contratto, poiché l’aspettativa non può essere chiesta in modo corrispondente all’orario che viene fatto.

Ore eccedenti in classi collaterali

La FLC CGIL sostiene che il pagamento degli spezzoni orari fino a 6 ore spetti per tutto l'anno scolastico (fino al 31 agosto), se conferiti a personale con contratto a tempo indeterminato (in aggiunta alle 18 ore) o con contratto annuale. Solo se conferite a supplenza, tali ore eccedenti vanno retribuite fino al 30 giugno. In base alle norme in vigore, si tratta a tutti gli effetti di salario (a differenza di altre tipologie di ore eccedenti, es. gruppo sportivo, sostituzione colleghi assenti, ecc...), quindi, con diritto al pagamento fino al 31 agosto, come nel caso di cattedre costituite a 19, 20 o più ore.

Questo punto era stato già chiarito nel 2002, su nostra sollecitazione, dalla nota n. 1591 del MEF, e da allora le disposizioni che regolano tale materia non sono state modificate. Vale, dunque, sempre quanto prevede l'art. 30 del CCNL/2007, che rimanda alle norme contrattuali precedenti (art. 70 CCNL/1995).

E' necessario che a SIDI queste ore eccedenti siano correttamente gestite nel rispetto del CCNL e delle stesse indicazioni fornite a suo tempo dal MEF, tutt'oggi valide, perché è il sistema informatico che si deve adeguare alla corretta attuazione della normativa e non il contrario.

Alla luce di quanto asserito abbiamo chiesto al MIUR di rivedere la sua posizione, nel rispetto di quanto prevede il CCNL oggi in vigore.

Aspettativa

Secondo la FLC CGIL il MIUR è intervenuto tardivamente a chiarire la questione, quando per le vie brevi aveva dato alle scuole indicazioni diverse. E' da tempo che sollecitiamo indicazioni univoche sui controlli che devono esercitare le Ragionerie, dal momento che agiscono in modo contraddittorio. Il Ministero, dietro nostra richiesta, si è detto disposto ad intervenire, dietro segnalazione, sui casi controversi.

Il Ministero si è detto disponibile a recepire, in linea generale, le argomentazioni poste dalle organizzazioni sindacali e a procedere con un ulteriore approfondimento rispetto alle nostre richieste. Saremo, dunque, aggiornati con una nuova informativa sindacale.

Al termine dell’incontro abbiamo chiesto al Ministero un aggiornamento anche sul monitoraggio effettuato sulle posizioni economiche ATA sospese e ci è stato comunicato che il conteggio sarebbe quasi al termine. La prossima settimana sarà resa nota una data di convocazione per l'informativa circa i risultati dello stesso.

Servizi e comunicazioni

Articolo 33, la nostra rivista mensile
Articolo 33, la nostra rivista mensile
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!
Scuola: principali approfondimenti
Mobilità scuola 2018/2019
Testo Unico su salute e sicurezza integrato e aggiornato
Filo diretto sul contratto
Le funzioni nel consiglio di classe
Ricostruzione di carriera
Come si convocano i supplenti
Link utili
Logo MIUR
Logo MEF
Logo NOIPA
Logo INPS
Logo Fondo ESPERO
Logo EBINFOP
Seguici su facebook