FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3929979
Home » Notizie dalle Regioni » Sicilia » Agrigento » «La carica della 104»: la FLC CGIL Agrigento vuole essere "parte civile" nel processo

«La carica della 104»: la FLC CGIL Agrigento vuole essere “parte civile” nel processo

Bonvissutto: continueremo a batterci affinché i diritti siano riconosciuti a chi ne ha legittimo titolo e per una scuola dove non vi sia spazio per i furbi.

19/02/2016
Decrease text size Increase text size

“L’avevamo annunciato insieme alla CGIL – rivendica Gaetano Bonvissuto, Segretario Generale della FLC CGIL Agrigento –, già l’indomani dell’avvio della “operazione” ed oggi abbiamo dato ai nostri legali l’Avvocatessa Maria Carmela Infurna di proporre la costituzione come “parte civile” nel processo a carico degli imputati della maxi inchiesta “la carica delle 104” che ha fatto luce su un vasto giro di false invalidità civili ottenute, corrompendo, secondo l’accusa, i medici e con la complicità di funzionari pubblici. Lo abbiamo fatto in piena coerenza con la nostra storia ed i nostri valori: i lavoratori onesti e con essi il sindacato che li tutela e rappresenta, sono “parte lesa” da parte di chi ha fatto strame di diritti ed ha abusato di una conquista di civiltà che serve a tutelare reali condizioni di grave disagio”.

“Ci auguriamo e confidiamo nella magistratura – conclude Bonvissuto – che a carico di chi, eventualmente, si è reso colpevole di tutto ciò ci siano pene esemplari, per parte nostra continueremo a batterci affinché i diritti siano riconosciuti a chi ha legittimo titolo a rivendicarne l’esigibilità e per una scuola dove non vi sia spazio per i furbi”.