FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3953757
Home » Notizie dalle Regioni » Campania » Caserta » Dirigente Scolastico della provincia di Caserta condannato per comportamento antisindacale

Dirigente Scolastico della provincia di Caserta condannato per comportamento antisindacale

Importante sentenza che ribadisce il ruolo della rappresentanza sindacale e della contrattazione nell'istituzione scolastica.

06/12/2019
Decrease text size Increase  text size

A cura della FLC CGIL Caserta

Il 21 novembre 2019 il giudice del Lavoro del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha dato ragione alla segreteria della FLC CGIL di Caserta, patrocinata dagli avvocati Gianluca Corriere e Giuseppe Tescione, che ha citato la dirigenza di un Istituto Comprensivo della provincia per violazione dell’articolo 28 della legge 300/70. Il giudice ha riconosciuto il comportamento antisindacale della dirigente scolastica, in particolare dichiarando l’antisindacalità “consistente nella violazione degli obblighi in materia di contrattazione integrativa relativamente all’adozione dei criteri per l’attribuzione del bonus ai docenti ai sensi della legge 107/2015 e nella violazione degli obblighi di informativa” e l’antisindacalità nella “violazione dell’obbligo di informativa in relazione alla proposta di formazione degli organici per l’a.s. 2019/2010”. Il Giudice ha quindi ordinato la cessazione del comportamento antisindacale e la rimozione degli effetti mediante l’adozione di ogni atto necessario e ha disposto la pubblicazione del decreto all’albo dell’Istituto Comprensivo.

Fin dall’inizio la dirigente scolastica, conduceva relazioni sindacali improntate ad omissioni, informative parziali e tardive, sottraendosi al confronto di merito con l’organizzazione sindacale. 

La FLC CGIL di Caserta, nonostante l’irrituale comportamento della Dirigente Scolastica ha continuato, a salvaguardia degli interessi dell’organizzazione sindacale e dei lavoratori, a tenere un comportamento coerente a difesa del personale della scuola e per l’affermazione del diritto dei lavoratori ad essere rappresentati nel confronto con la parte datoriale. 

La dirigente scolastica, nonostante continue sollecitazioni persisteva in un atteggiamento ostativo mettendo in atto un comportamento delegittimante per la sigla sindacale, impedendo di fatto la partecipazione per la maggioranza della RSU e costringendo la segreteria della FLC CGIL di Caserta a ricorrere in giudizio per chiedere la piena applicazione del CCNI.

Il Giudice del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha dato ragione alla FLC CGIL di Caserta e ha ribadito il ruolo della rappresentanza sindacale nell’istituzione scolastica delegittimato dal comportamento della dirigente scolastica, dichiarando l’antisindacalità del comportamento posto in essere dalla dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo consistente nella violazione degli obblighi in materia di contrattazione integrativa relativamente all’adozione dei criteri per l’attribuzione del bonus ai docenti ai sensi della legge 107/2015 e nella violazione degli obblighi di informativa, anche in relazione alla proposta di formazione degli organici.

Questa sentenza è molto importante perché ribadisce il ruolo della rappresentanza sindacale e della contrattazione nell’istituzione scolastica come viene regolato dal CCNL e costituisce un pronunciamento significativo perchè ribadisce che spetta alla contrattazione di istituto definire i criteri per la determinazione dei compensi riguardanti il bonus premiale introdotto dalla Buona Scuola, restituendo dignità al personale dell’Istituto che ha vissuto un anno scolastico caratterizzato da un clima conflittuale con il dirigente, continuamente alimentato a causa dell’assoluta volontà di non riconoscere e rispettare  il ruolo della rappresentanza sindacale.    

La FLC CGIL ringrazia tutti i lavoratori per il sostegno dimostrato alla RSU in questa occasione che insieme a tutte le altre RSU che con costanza e impegno danno voce agli interessi delle lavoratrici e dei lavoratori attraverso la piena applicazione del CCNL.  

Questa sentenza qualifica ulteriormente la nostra azione costante nelle scuole per l’affermazione dei diritti di rappresentanza, per il corretto svolgimento delle procedure interne alle istituzioni scolastiche e per la piena partecipazione dei lavoratori alle scelte collegiali e contrattuali.

La FLC CGIL auspica altresì che la Direzione Scolastica Regionale e l’UST intervengano nelle Istituzioni Scolastiche ove non vengono rispettati le prescrizioni in materia, al fine di ridurre le conflittualità ed il ricorso agli organismi giudiziari.

Servizi e comunicazioni

Ora e sempre esperienza!
Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL