FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3888758
Home » Attualità » "Sapere per contare", prosegue il percorso delle 10 proposte per l’apprendimento permanente

"Sapere per contare", prosegue il percorso delle 10 proposte per l’apprendimento permanente

Dopo il convegno di Milano dello scorso 12 ottobre appuntamento a Napoli il 27 gennaio 2012.

23/01/2012
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

Come quello di Milano, il convegno di Napoli è promosso da CGIL, FLC CGIL, Agenquadri, Auser, EdaForum, Proteo Fare Sapere, SPI CGIL sul solco degli Stati Generali della Conoscenza.

Oltre alle “10 proposte per il diritto all'apprendimento permanente”, saranno al centro dell'attenzione i problemi della formazione permanente nel Mezzogiorno e si definiranno specifiche proposte di intervento territoriale, anche alla luce degli investimenti previsti dal Piano per il Sud che vedrà l’utilizzo dei fondi europei funzionale ad una strategia unitaria, gestita dalle regioni del Sud destinatarie dell’Obbiettivo Convergenza del Fondo Sociale Europeo.  

Non c'è crescita possibile se non si danno risposte serie, qualificate, sistematiche al bisogno di istruzione degli adulti: affrontare l'analfabetismo di ritorno, facilitare il reingresso nel mondo del lavoro tramite percorsi formativi, acquisire competenze di cittadinanza, garantire l'insegnamento dell'italiano L2 come lingua per l'esercizio della cittadinanza attiva agli adulti immigrati, conseguire un titolo di studio, offrire una seconda possibilità, in un contesto adeguato, a coloro che hanno abbandonato o lasciato troppo presto la scuola.

Si tratta di esigenze molto sentite nel Mezzogiorno, particolarmente a Napoli e nella sua area metropolitana.

Nel corso del convegno sono previsti tra gli altri gli interventi del sottosegretario Marco Rossi Doria, del sindaco di Napoli Luigi De Magistris, dell’Assessore al Comune di Napoli, Annamaria Calmieri, di Fulvio Fammoni della Segreteria nazionale CGIL, di esponenti del mondo della cultura, rappresentanti ANCI, Conferenza delle Regioni, istituzioni e associazioni locali.