FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3890204
Home » Attualità » Previdenza » Nuovo TFS: dal 1 gennaio 2011 la trattenuta del 2,5% sulle buste paga non è più legittima

Nuovo TFS: dal 1 gennaio 2011 la trattenuta del 2,5% sulle buste paga non è più legittima

Importante sentenza del TAR della Calabria sugli effetti della legge 122/10.

06/03/2012
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

Il Tar della Calabria ha ritenuto indebita la trattenuta del 2,5 per cento a favore del TFS, in quanto la legge 122 del 30 luglio 2010 ha trasformato la natura del TFS nel cosiddetto "nuovo TFS".

La FLC CGIL all'uscita della legge 122/10, che conteneva tra l'altro il blocco dei contratti nazionali, degli scatti di anzianità e il provvedimento di trasformazione del TFS nel cosiddetto "nuovo TFS", ha immediatamente messo in campo l'opposizione a un provvedimento ancora una volta punitivo nei confronti del lavoro pubblico e ha messo in atto molteplici iniziative di protesta.

Altri sindacati come la CISL e la UIL hanno plaudito agli effetti di quella legge, impedendo di fatto quell'unione di intenti necessaria in casi così eclatanti di attacco ai diritti dei lavoratori. La sentenza del TAR della Calabria da' ragione all'agire della FLC CGIL e rimette in campo tutte le iniziative, nate in seguito agli effetti della legge 122, a cominciare dalla riconquista del Contratto Nazionale di Lavoro.

Sulla base della sentenza stiamo preparando adeguata diffida.
La difesa dei diritti e delle condizioni materiali dei lavoratori guida l'agire sindacale della FLC CGIL.

____________________

La legge 122 approvata a luglio 2010 ha predisposto il passaggio coatto, a partire dal 1° gennaio 2011, dal TFS (trattamento di fine servizio o indennità di buona uscita) al TFR (trattamento di fine rapporto ma che è più corretto definire "nuovo TFS" per coloro che sono stati assunti prima del gennaio 2001). Questa misura comporta una perdita sulle liquidazioni che dal 13% può arrivare, in alcuni casi fino al 20% oltre al perdurare di una trattenuta del 2,5% sulla busta paga a carico del lavoratore che confligge in maniera evidente con quanto previsto dell'articolo 2120 del Codice civile che pone totalmente a carico del datore di lavoro l'applicazione di una aliquota del 6,91 % sull'intera retribuzione.